«Festa di primavera» per offrire una vacanza a trenta giovani disabili

A Villa Miani il 26 giugno uno spettacolo con Ennio Morricone, Raoul Bova, Massimo Ghini e Rodolfo Laganà, presentato da Jonis Bascir. I fondi finanzieranno un progetto dell'associazione «Piccola famiglia»

Spettacolo, mondanità, eleganza. Ma tutto per un nobile fine benefico.
É la nona edizione della «Festa di primavera», che si svolgerà in una delle location più suggestive della capitale, Villa Miani, la sera di martedì 26 giugno.
Ospiti illustri, come il regista Ennio Morricone e gli attori Raoul Bova, Massimo Ghini, Rodolfo Laganà , hanno già garantito la loro partecipazione.
Partecipazione che sarà attiva, perchè si alterneranno sul palco allestito per l'occasione sul prato della villa che si affaccia sul panorama capitolino, mentre sarà servita la cena.
I famosi esponenti del mondo dello spettacolo daranno vita ad un vero e proprio spettacolo durante la serata , presentata dall'attore Jonis Bascir e accompagnata dalla musica del regista e compositore Stefano reali con la sua band.
L'associazione «Festa di primavera», nata nel 1999 per volontà di Federica Di Stefano Zichichi, Isabella Tonini e Gabriella Vismara Currò, organizza periodicamente queste eleganti riunioni, alle quali partecipa in massa la Roma-bene e tanti vip.
Ogni volta viene selezionato un destinatario dei fondi raccolti nella Festa e quest'anno si è deciso di devolvere il ricavato dell'evento di beneficienza alla «Piccola famiglia» e al suo progetto «Una vacanza anche per loro».
I generosi contributi degli ospiti permetteranno di raggiongere l'obiettivo di portare appunto in vacanza trenta tra bambini e ragazzi affetti da varie e gravissime patologie.
La «Piccola famiglia», fondata nel 2001 grazie alla tenacia di Saverio Severini e di un nutrito gruppo di amici e sostenitori, è ormai famosa per l'annuale pellegrinaggio a Lourdes e assiste tutto l'anno dei disabili e le loro famiglie nella difficile gestione della vita quotidiana.
Nel 2001 c'è stato il primo pellegrinaggio organizzato dall'associazione al Santuario della Madonna di Lourdes e questo è diventato per la «Piccola Famiglia» uno degli appuntamenti più importanti.
Con il passar del tempo il numero dei partecipanti è cresciuto di anno in anno.
Il « treno bianco» dell'associazione nell'aprile 2011 ha visto la partecipazione di 630 persone tra amici assistiti, medici, infermieri, sacerdoti, sorelle, barellieri e giovani aiutanti provenienti da Roma, Milano, Imperia, Napoli e varie regioni del Sud dell´Italia.
Oltre alla carità ed alla spiritualità che si respirano in ogni fase del pellegrinaggio, l'emozione maggiore viene dalla grande partecipazione di « piccoli aiutanti » e «giovani aiutanti».
Sono bambini e adolescenti dagli sei ai sedici anni, che aiutano distribuendo acqua durante le funzioni o spingendo le carrozzine dei loro coetanei meno fortunati che provengono da vari ospedali pediatrici ed altri istituti.