Festa senza sosta, il Milan blocca la città

Il bis della festa rossonera è andato in scena ieri sera, dalle 19, ora in cui è partito da Pagano il pullman con a bordo gli «eroi» di Atene, giocatori e mister Ancelotti con in mostra la mitica Coppa dei Campioni. Un percorso tra la folla esultante, impazzita dall’entusiasmo, fino al balcone dell’assessorato allo Sport in piazza Duomo. Inevitabile conseguenza: traffico paralizzato per ore e caroselli in auto replicati dopo quelli dell’altra sera, iniziati dopo il fischio finale della partitissima col Liverpool. Un mercoledì che ha fatto scendere per le strade decine di migliaia di persone. Il bilancio dei festeggiamenti è stato di 20 tonnellate di rifiuti raccolti dall’Amsa, danni all’arredo urbano per 12mila euro, oltre a una nuova «mattanza» delle mucche in mostra per la Cow Parade. Venti le opere d’arte finite nel mirino dei vandali. Il Comune, per bocca del sindaco Moratti e dell’assessore Cadeo, assicura che «sarà rafforzato l’impegno per il decoro degli spazi pubblici in occasione di eventi così importanti». Intanto i vigili passeranno in rassegna le registrazioni provenienti dalle telecamere, alla ricerca dei responsabili. Ma nulla ferma la festa del popolo milanista: stasera (21.30) a San Siro appuntamento per celebrare ancora il settimo trionfo nel massimo traguardo europeo. Presenta Teo Teocoli, ingresso gratuito per gli abbonati e biglietto a 1 euro per tutti gli altri. Secondo un’indagine della Camera di Commercio l’indotto da Champions vale per la città 500mila euro.