Festa per la stazione metrò di Sarzano

Grande festa domani pomeriggio per l’inaugurazione della stazione della metropolitana Sant’Agostino, a Sarzano. Le manifestazioni inizieranno alle 17 quando la nuova fermata verrà ufficialmente aperta dalle autorità.
Per l’occasione fino a sera si svolgeranno spettacoli e animazioni musicali organizzati dagli assessorati alle Reti infrastrutturali, alla Comunicazione e dalla Circoscrizione Centro Est in collaborazione con le associazioni culturali Porta Soprana, Vecchia Genova e Artù.
Già comunque un’ora prima, alle 16, si svolgerà uno spettacolo musicale con una banda e animazioni folcloristiche in genovese per poi proseguire subito dopo il momento dell’inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità. In piazza Sarzano sono previste varie iniziative tra cui animazioni per bambini, musica folk e, alle 18, uno spettacolo di danza verticale a cura della Compagnia Il Posto.
Nel grande atrio della stazione di Sarzano, addobbata per l’occasione, l’Amt ha anche organizzato un concerto di musica classica con i musicisti Mazzola al violino e Campi alla fisarmonica, che eseguiranno brani di Paganini, Haendel, Gardel e Piazzolla. Il personale dell’azienda inoltre distribuirà piccole colombe omaggio a quanti parteciperanno all’inaugurazione.
Di interesse culturale è invece la visita che si potrà effettuare dalle 15 alle 18 al complesso monumentale di S. Maria Le Grazie La Nuova, detto «Casa Paganini», che ospita le attività del Centro Internazionale di eccelenza dell’Università di Genova su musica e tecnologia.
A conclusione del programma, alle 21, in programma una serata danzante con il duo Pino & Rosi.
Durante la stessa giornata l’atrio della stazione De Ferrari ospiterà la mostra fotografica «La Metropolitana della Città» a cura di Ansaldo Trasporti.
Dal momento dell’inaugurazione della stazione di piazza Sarzano e per tutta la giornata di martedì 4 si potrà viaggiare gratis sulla metropolitana. Secondo l’Amt, sarà un incentivo per far conoscere ai genovesi la nuova stazione e provare la linea metropolitana.
Tra l’altro non c’è dubbio che quando l’intero percorso verrà completato, ma è difficile pronosticare quando visti i tempi non esattamente brevi con cui è stata realizzata fin qui la metropolitana genovese, questo servizio pubblico sarà uno dei più utilizzati in assoluto. E sarebbe la volta che un unico sistema di trasporto pubblico collegasse ponente e levante in tempi decisamente ragionevoli.