Festa in teatro per i novant’anni di Mario Scaccia

Il teatro festeggia Mario Scaccia. L’attore compie novant’anni. E l’Ente teatrale italiano ha programmato per sabato 26 al Valle una festa in suo onore. Si tratta di un traguardo certo importante ma passato comunque sotto i riflettori teatrali. L’attore continua il suo lavoro anche in questi giorni: da domenica 27 sarà impegnato al teatro Tordinona nello spettacolo Natali di-Versi scritto e diretto da Renato Giordano. Qui Scaccia presta la sua voce ai versi dei grandi poeti che ci hanno raccontato il Natale: da Manzoni a Trilussa per riportare alla luce sensazioni nascoste nella nostra memoria.
L’appuntamento al Valle è alle 17.30. Amici, colleghi e spettatori brinderanno con Scaccia, in una festa che celebra i suoi 90 anni (60 dei quali passati in palcoscenico). Accolto dal presidente dell’Eti Giuseppe Ferrazza, Scaccia riceverà dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta una targa in segno di riconoscimento alla sua generosa carriera: raffinato istrione del nostro teatro a cavallo tra il vecchio e il nuovo secolo, sempre in equilibrio tra teatro, cinema, radio e televisione, Scaccia è stato fondatore con Mauri, Moriconi ed Enriquez della storica Compagnia dei Quattro e grande interprete di classici d’ogni tempo, da Shakespeare a Machiavelli da Ionesco a Beckett, con una predilezione per le commedie di Molière, Feydeau e Goldoni. E sarà proprio nel segno dell’amato commediografo veneziano che Maurizio Scaparro introdurrà e commenterà la proiezione di alcuni brani del dvd Mèmoires, ripresa video dello spettacolo da lui diretto nel 2003, di cui Scaccia fu protagonista.