Festeggia 100 anni e ripensa alla Borsa

Burgo

«Le prospettive di un collocamento in Borsa dei titoli Marchi-Burgo sono di due-quattro anni». È quanto affermato da Girolamo Marchi, amministratore delegato della società nel corso della conferenza stampa convocata in occasione dei 100 anni della Burgo. Marchi, la cui holding possiede il 48,3% della Burgo, ha ribadito che la società vuole continuare ad avere «un azionariato stabile e italiano che consenta di competere a livello globale». Nel corso dell’incontro con i giornalisti Girolamo Marchi ha ricordato che il piano industriale triennale varato l’anno scorso prevede per il 2007 uno sviluppo dei volumi di produzione a 2,7 milioni di tonnellate complessivi e risparmi per 140 milioni realizzati attraverso uno sviluppo commerciale e una riduzione del personale che comporterà minori costi per 20 milioni. Per quanto riguarda il 2005 - ha aggiunto Marchi - il fatturato dovrebbe salire a 2,2 miliardi. Nel primo trimestre di quest’anno il fatturato è stato di 514,4 milioni.