Festini hard con studenti: 30 anni di carcere

È stata condannata a 30 anni di carcere una madre del Colorado che organizzava feste scatenate nella sua abitazione con gli adolescenti del quartiere fornendo alcolici, droghe e sesso. Silvia Johnson, 41 anni, ha ammesso di avere avuto numerosi rapporti sessuali con gli adolescenti invitati alle feste, a volte in gruppo, dopo avere distribuito alcolici e stupefacenti agli studenti minorenni. La donna aveva spiegato al giudice di avere organizzato le feste con gli adolescenti perché voleva essere considerata una «madre popolare». Voleva essere parte del gruppo, insomma: una mamma simpatica e amica dei ragazzi. Silvia, signora di Golden, nello stato americano del Colorado, però si era immedesimata fin troppo nel suo ruolo ed alla fine si era ritrovata ad essere accusata di avere fatto sesso con cinque giovani invitati alle feste organizzate per la figlia.
Nell’ambito dell'accordo extragiudiziale, la procura aveva stralciato due capi d'accusa legati allo spaccio di stupefacenti. In Colorado ciascun capo di imputazione per molestie sessuali comporta una pena massima di quattro anni di carcere mentre ciascun capo relativo all'istigazione a delinquere di un minore comporta una pena di nove anni. La imputata rischiava fino a 60 anni di carcere. Ne ha avuti 30.