Al «Festival degli antichi borghi» di Liguria tra sinfonie e tradizioni storiche medievali

Antichi borghi di Liguria, caratteristici per ambiente naturale, testimonianze storiche, tradizioni artigianali e, perché no?, anche enogastronomiche di qualità: sono loro, questi villaggi noti e meno noti sparsi fra terra e mare, al centro di una iniziativa giunta alla seconda edizione e promossa dall’Associazione Music Liguria International nel corso dell’estate. Sotto i riflettori, pertanto, ci saranno Alassio, Albenga, Albisola Superiore, Bajardo, Balestrino, Casella, Castelvecchio di Rocca Barbena, Castelbianco, Ceriale, Finale Ligure e Stellanello con l’appendice costituita da Savona.
La manifestazione, che prende il titolo di «Festival Antichi Borghi di Liguria», nasce da un’idea dell’associazione per lo sviluppo e la conoscenza della musica cosiddetta colta attraverso un itinerario estivo da tenersi in prevalenza nei tipici centri costieri e dell’interno. L’obiettivo degli organizzatori, cui si è unito l’assessorato ai Quartieri del Comune di Savona per quanto riguarda il «Santuario del jazz», è quello di offrire al pubblico una proposta articolata di spettacoli studiati sulle esigenze di ogni singolo paese aderente che non verranno mai ripetuti nell’ambito della stessa provincia, affiancando grandi interpreti internazionali e giovani artisti emergenti locali.
L’iniziativa, inoltre, è mirata a promuovere le bellezze del territorio e «ad elevare - sottolineano gli organizzatori - la qualità e la quantità dell’offerta musicale sul territorio di riferimento, valorizzando contemporaneamente i suoi incantevoli centri medievali e lo sviluppo economico e sociale». Il Festival include uno-due concerti per ciascun Comune, localizzati negli angoli più caratteristici dei rispettivi borghi; sono previsti concerti sinfonici, di musica classica, operistica e jazz.