La Fials al governatore: «Dimenticate le iniziative per ridurre le liste d’attesa»

SEGRETARIO Romano ricorda: «Il governatore aveva preso impegni precisi. A settembre ad esempio sarebbe dovuto partire il “Doctor Cup”»

«Dalla finanziaria 2009 emerge che sono state dimenticate le iniziative che avrebbero dovuto costituire lo strumento necessario per il conseguimento di una riduzione significativa dei tempi di attesa per l’accesso a tutte le prestazioni sanitarie». Lo denuncia in una nota il segretario regionale della Federazione italiana autonoma lavoratori della sanità (Fials) Gianni Romano. «Il presidente Piero Marrazzo - prosegue Romano - si è impegnato a precisare impegni e scadenze per limitare la proliferazioni delle liste di attesa. A settembre sarebbe dovuto partire il progetto “Doctor Cup”,volto a diversificare gli accessi alle prestazioni sanitarie e ad accorciare i tempi di visita». Cosa che invece non si è verificata.
«Il potenziamento del servizio di prenotazione regionale, il Recup - sottolinea ancora Romano - sarebbe più facile in quanto si ridurrebbe il tempo di attesa telefonico per l’accesso al servizio e si comincerebbero a smaltire più velocemente le prestazioni sanitarie per le fasce più deboli della cittadinanza». Ma è tutta la gestione sanitaria da parte della maggioranza di centrosinistra sotto accusa. «Il presidente della Regione - conclude infatti Romano - non deve dimenticarsi che la sua amministrazione resta fino ad ora comunque segnata da fatti profondamente negativi come la chiusura di 3mila posti letto, lo smantellamento di interi reparti, la dismissione di due grandi ospedali come il San Giacomo e il Nuovo Regina Margherita».