La fiamma illumina la Lanterna dopo 46 anni

La fiaccola arriverà a Genova alle 14.45 e all’Expò salperà sulla «Palinuro»

Paola Balsomini

L’ultima volta aveva illuminato la città nel 1960. La fiamma olimpica, a distanza di 46 anni, tornerà a far visita alla Lanterna domani, quando, dopo aver attraversato la Liguria partendo da La Spezia approderà nel capoluogo ligure. Dopo il tratto sull’Aurelia arriverà in corso Europa alle 14.45, qui proseguirà il suo viaggio per via Tolemaide, via Fiume, via XX Settembre, risalendo poi in via XII Ottobre, corso Carbonara, piazza della Nunziata, via Balbi, via Gramsci, per poi tornare nel centro città. E proprio il tratto più suggestivo comincerà alle 17.23 da piazza Dante, poi vicolo delle Erbe, piazza Raibetta, piazza Caricamento, fino ai Magazzini del Cotone. Sarà Eraldo Pizzo, scelto dal Coni come rappresentante della Liguria, a passare la fiaccola ai tre rappresentanti della Marina Militare che trasporterà la torcia sulla nave «Palinuro». A bordo sarà anche acceso un secondo braciere, che continuerà ad ardere per tutta la traversata verso l'isola. Oltre al tedoforo Walter Nudo, reso celebre dalla partecipazione «All’isola dei famosi» saranno molti anche gli sportivi che sono stati scelti per il viaggio della fiaccola. La «Samsung», sponsor della manifestazione insieme alla «Coca Cola» ha portato a Genova soprattutto tedofori russi e ucraini ma domani la storia più particolare sarà quella di Dimitra Lykogianni, cittadina greca e giocatrice professionista di pallavolo che ad Olimpia durante i Giochi ha conosciuto un atleta italiano che ha seguito abbandonando il suo paese. Ci sarà anche lei a portare la fiaccola, simboleggiando così l’unione tra la Grecia e l’Italia. L’azienda «Samsung» ha anche scelto un altro tedoforo particolare: Federico Quaranta, conduttore del programma «Decanter» in onda ogni sera su radio due che si occupa soprattutto di vini.
Ma anche chi sta a guardare avrà solo l’imbarazzo della scelta, tra spettacoli e divertimenti. Domani infatti saranno molte le attività ludiche. La fiamma sarà preceduta da festose «carovane» che ne annunceranno l’arrivo, mentre sarà possibile raggiungere il Porto Antico anche grazie a simpatici risciò messi a disposizione gratuitamente, che partiranno dalla zona di piazza De Ferarri e di via San Lorenzo fino ad arrivare a Caricamento. Qui, nell’area Mandraccio, sarà possibile assistere anche ad un concerto del gruppo «Numeri due», mentre per gli appassionati di sport invernali sarà a disposizione l’esclusivo «Olympic Sports Simulator»: grazie a questo simulatore interattivo sarà possibile provare l'ebbrezza di salire su un bob, di scendere dalle piste durante una virtuale gara di slalom Gigante o di provare uno snowboard tridimensionale. Genova, quindi,è pronta ad indossare i colori dei cinque cerchi per un viaggio da ricordare per sempre.