La Fiamma olimpica scotta la sinistra

Paola Setti

Dopo la quiete, fin troppa, la tempesta. Sarà, chissà, l’affetto per l’altra fiamma, quella tricolore, ieri è stato Gianni Plinio il capogruppo di An a portare la fiamma delle Olimpiadi in consiglio regionale. Il centrodestra tutto ha sottoscritto il suo ordine del giorno di condanna per «l’attacco» che domenica scorsa in via Venti Settembre ha visto gli organizzatori costretti a spegnere la fiaccola e a far proseguire in auto la corsa del tedoforo verso i Giochi di Torino 2006. Il centrosinistra invece ha perso per strada la sinistra, con verdi, Rifondazione comunista e Comunisti italiani che hanno abbandonato l’aula per non votare, e si è spaccato al centro, con il segretario ligure della Margherita Rosario Monteleone per l’ennesima volta in rotta di collisione con il capogruppo Claudio Gustavino. Il documento dell’opposizione alla fine è stato sottoscritto anche da Ds, Gente della Liguria e Margherita, che però non lo hanno firmato senza prima scatenare la bagarre.Perché Plinio chiedeva all’aula di «condannare fermamente l’attacco da parte di (...)