Fiamme Gialle, un calendario storico per il primo secolo di attività sportiva

Sfilata di campioni, di ricordi, con video dell'epoca, e imprese: dalla prima medaglia olimpica nello sci nordico, conquistata da Franco Nones nel '68 a Grenoble, fino a Giulia Quintavalle, prima donna nella storia dello sport italiano a vincere una medaglia d'oro nel judo a Pechino 2008

Un calendario storico per festeggiare il primo secolo di attività sportiva della Guardia di Finanza e i 90 anni dalla fondazione dei gruppi sportivi delle Fiamme Gialle. Il calendario, presentato nel Salone d'Onore della caserma «Sante Laria» della Guardia di Finanza di Roma, e di cui sono state stampate ben 500 mila copie, ripercorre le emozionanti imprese sportive di atleti straordinari, da Thoeni a Gros, da Nones a Brugnetti, da Fioravanti ad Agostino Abbagnale, dalla Quintavalle a Gibilisco, vincitori di medaglie olimpiche e mondiali, passati agli annali della storia dello sport italiano.
A rendere omaggio ai tanti successi che le Fiamme Gialle hanno regalato allo sport italiano il presidente del Coni, Gianni Petrucci, presente alla cerimonia con il segretario generale, Raffaele Pagnozzi, e il sottosegretario con delega allo Sport, Rocco Crimi. «Con affetto ringrazio la Guardia di Finanza per il contributo che dà al paese e, attraverso i gruppi sportivi delle Fiamme Gialle, anche allo sport italiano - ha detto nel suo intervento il numero 1 dello sport italiano -. Questo gruppo ha regalato all'Italia grandi risultati sportivi, e rappresenta uno spaccato straordinario di persone che vogliono bene al Paese. Dovrebbero essere più conosciuti per quello che fanno, e noi lavoreremo affinchè questo accada».
Ad aprire l'evento, condotto da Antonella Clerici, è stata una spettacolare esibizione dei campioni del mondo di karate Maurino, Valdesi e Sole, sulle note della colonna sonora del «Gladiatore» di Ridley Scott scritta da Hans Zimmer. Poi è stata una sfilata di campioni, di ricordi, con video dell'epoca, e imprese. Dalla prima medaglia olimpica nello sci nordico, conquistata da Franco Nones nel '68 a Grenoble, passando per i successi della valanga azzurra, firmati da Thoeni e Gros, fino agli exploit di Agostino Abbagnale, tre volte campione olimpico di canottaggio, Fioravanti (doppio oro 100 e 200 rana a Sydney 200), Brugnetti (oro ad Atene nella 20 km di marcia) e Giulia Quintavalle, prima donna nella storia dello sport italiano a vincere una medaglia d'oro in judo, a Pechino 2008.
«I successi degli atleti delle Fiamme Gialle - ha detto il Comandante Generale Nino Di Paolo - premiano un'organizzazione, la Guardia di Finanza, che si nutre di quei valori, dedizione, lealtà, impegno e passione, che lo sport riesce ad esprimere al meglio. Valori che da sempre caratterizzano l'attività operativa della Guardia di Finanza, a tutela degli interessi economici e finanziari del Paese e dell'Unione Europea».