Fiammetta Panella trionfa nel Campionato italiano di Fiuggi

Dimenticate lo statunitense Bobby James Fischer e i russi Boris Spassky e Anatolij Evgenevic Karpov, perché stavolta il pianeta degli scacchi propone il volto appena maggiorenne di una ragazza romana che s’è da poco laureata campionessa italiana della specialità. Insomma, niente a che vedere con la serietà di stampo yankee-sovietico memorizzata a cavallo nel ventennio ’70- ’90. La quasi diciannovenne (ad agosto) Fiammetta Panella a metà della scorsa settimana era a Fiuggi, dove ha conquistato l’edizione numero 34 degli «Italiani» battendo in finale una ex campionessa, la napoletana Maria De Rosa. Sei vittorie e 2 pareggi, questo lo score conclusivo a favore della capitolina (che fra l’altro era arrivata seconda agli assoluti sia nel 2005 che dodici mesi fa), che si è diplomata al liceo scientifico «Cannizzaro» con un «100» e che adesso sogna d’iscriversi a Giurisprudenza. Una bella rivincita per la romana, che nel 2006 aveva sfiorato il titolo giungendo seconda solo per «colpa» di uno spareggio tecnico. «È stato un titolo sofferto - ha sussurrato al termine delle competizioni la Panella -. È servito uno spareggio tecnico per designare la vincitrice, visto che in questa disciplina, quando c’è un ex-aequo per il primo posto si calcola la somma dei punti ottenuti dagli avversari che si sono affrontati». La neocampionessa ha cominciato a giocare quando aveva otto anni, spinta dal padre Carmine, che a scacchi si cimenta sì, ma in maniera amatoriale. «Con lui rigioco le partite che ho disputato, per vedere se e dove ho commesso errori». La Panella («1N elo 1968», per gli appassionati e i neofiti, il dato corrisponde al valore della scacchista) fa parte del Circolo scacchi Vitinia e nonostante la giovane età risulta essere un’ottima istruttrice. La romana succede nell’albo d’oro a Roberta Brunello, quinta in quest’edizione. Nel suo futuro ora ci sono le Olimpiadi degli scacchi di Germania 2008: «Per scaramanzia non dico nulla - spiega - ma spero di far parte della Nazionale».