Fiat ci crede: target 2008 verso il rialzo

da Milano

«Vogliamo formare imprenditori, e manager che vogliono provare a pensarla da imprenditore, sviluppare cioè la creatività, la capacità di decisione non accademica e la propensione al rischio». Così Giovanna Dossena professore ordinario di Economia e gestione delle imprese presso l’Università degli studi di Bergamo, presenta il master da lei diretto, giunto ai nastri di partenza. Un’idea innovativa, organizzata dall’Entrepreneurial Lab dell’Università di Bergamo nell’ambito del «Kilometro Rosso» - il Parco scientifico tecnologico dove operano fianco a fianco aziende come Brembo e Italcementi e centri di ricerca come l’Istituto Negri - in collaborazione con la Luiss Business School.
«L’idea è nata dall’osservazione - spiega Giovanna Dossena - che oggi nell’impresa sono necessarie figure professionali che coniughino le caratteristiche dell’imprenditore, quindi il cosiddetto «pensiero divergente», creativo e immediato, con la competenza tecnica e la prudenza gestionale del manager. Da qui, questo corso che chiama in aula figure professionali completamente diverse per descrivere le varie tappe della storia di un’impresa: dall’idea, spiegata dai filosofi, al passaggio operativo, descritto dai designer, al confronto con i medici per affrontare le patologie, che anche nella vita di un’azienda possono capitare».
Ma il master non è la sola novità del «Kilometro rosso»: è pronto a partire, infatti, l’incubatore d’impresa. «Aiuta l’imprenditore che ha avuto un’idea a renderla valida - afferma Giovanna Dossena - e lo accompagna nel suo percorso, anche con finanziamenti». E qui entra in gioco il private equity: come il fondo Avm di cui la stessa Dossena è advisor. «Raccoglie imprenditori per lo più italiani, che lo animano, anche attraverso lo scambio di informazioni e il confronto reciproco, quasi diventando "consulenti di se stessi". Avm Private Equity ha l’obiettivo di favorire la concentrazione e la crescita delle aziende in fase di sviluppo: gli investimenti vengono selezionati da un panel di advisor di grande esperienza».
Lo stesso spirito collaborativo che anima il «Kilometro rosso», dove «esperienze diverse, dall’impresa all’università, si contaminano e si trasmettono reciprocamente informazioni - aggiunge Giovanna Dossena - portando ognuno la propria ricerca, pura o applicata, come tassello di un progetto generale».