Fiat Ducato, facile da guidare e bello da vedere

Maurizio Refini

da Torino

Facile è facile. Nel senso del guidare. Nell’ergonomico posto di guida, ben alti sul traffico, anche nelle sue versioni più... ingombranti (uno all’interno misura persino due metri, quindi si lavora o si conversa, nella versione vetrata, assolutamente in piedi, a meno di non essere un cestista di quelli belli alti) si guida e si manovra con sorprendente facilità e assolutamente senza fatica. Il nuovo Fiat Ducato beneficia inoltre di un abitacolo luminoso e accogliente, con la massima attenzione per il comfort acustico, davvero di buon livello.
L’assetto di guida di tipo automobilistico lavora quindi in perfetta simbiosi con una livrea ben studiata, che consente un’ottima percezione degli ingombri esterni, restituendo un elevato piacere di guida e una facilità di conduzione molto simile a quella automobilistica. Uno degli aspetti più importanti è la capacità di carico. A queste esigenze il nuovo Ducato risponde con un aumento sia in termini dimensionali che di capacità portante. Per rendere ulteriormente più agevoli e pratiche le manovre di carico e scarico, Fiat nuovo Ducato è stato abbassato di 3 cm, passando dai precedenti 56 agli attuali 53. E nel momento del carico, grazie alle sospensioni idropneumatiche, si può abbassare di altri sette centimetri premendo un bottone, lo stesso che lo riporterà in posizione, diventando sospensioni autolivellanti. Le motorizzazioni rispettano le normative antinquinamento Euro 4. Sono turbodiesel common rail a 16 valvole di ultima generazione. I propulsori a disposizione sono quindi 3, con 4 diversi livelli di potenza. La versione d’attacco è rappresentata dal 2.2 Multijet (100 cv), seguito dal 2.3 Multijet (da 120 e 130 cv), quest’ultima destinata soltanto al settore Camping. Chiude le fila il potente 3.0 Multijet (157 cv) con una super coppia da 400 Nm. Pensate, questa è la coppia che aveva la precedente generazione delle Bmw Serie 5, nella versione M. In abbinamento, cambi manuali a 5 marce o il nuovo cambio a 6 marce. E sono in arrivo anche un cambio robotizzato e una trasmissione integrale.
E per rimanere nel campo delle tecnologie, grazie alla collaborazione tra Fiat e Microsoft, Ducato è stato arricchito con «Blue&Me», l’innovativo sistema «basato su Windows Mobile», che permette di fare e ricevere telefonate e ascoltare musica mentre si guida in modo semplice e sicuro.
La sicurezza, ora: il nuovo Ducato dispone di scocche a rigidezza differenziata (per il massimo assorbimento degli urti), nuovo impianto frenante con 4 freni a disco e Abs di serie (con buone risposte anche quando il carico si fa pesante) e - standard su alcune versioni e a richiesta sulle altre - il controllo di trazione Asr e quello di stabilità Esp (tutti Bosch). Infine, Fiat nuovo Ducato è disponibile in un’infinita serie di configurazioni e allestimenti (ben 2mila), in grado quindi di soddisfare anche il cliente più esigente. Dal punto di vista economico, la versione 2.2 Multijet (100 cavalli) accessoriata avrà un prezzo di vendita di 19.550 euro.