Fiat in forte rialzo

Piazza Affari piatta all’inizio della settimana, con qualche frazione in meno per l’indice Mibtel. Una variazione che ha però eroso ulteriormente il modesto margine attivo fin qui realizzato nel mese e ha ridotto intorno al 6% il vantaggio dell’anno in corso. A pesare ancora sul listino è la vicenda Pirelli-Telecom. Mentre per la holding la flessione supera ancora il 4%, per le Telecom più penalizzate sono state le azioni di risparmio (meno 3,6%); giù anche la holding Camfin (meno 5,4%) e riflessi negativi si sono avuti per l’immobiliare Pirelli RE, in calo del 7,1%. Bene Fiat (più 1,22% a 11,98 euro) a pochi giorni dall’apertura del Salone di Parigi, dove il gruppo presenterà diverse novità. Situazione fluida per i titoli energetici, per effetto del calo del greggio, con Erg e Tenaris che arretrano di oltre il 3%. Dal canto suo Eni contiene le perdite allo 0,6%. Bocce ferme nel comparto bancario, con qualche limatura per Capitalia e Sanpaolo Imi; in ripresa Bpi (più 1,3%) per l’attesa del nuovo socio. Buona performance di Rcs (più 3,2%), mentre sono ripresi gli acquisti su Aeroporto di Firenze (più 3,1%), in vista di possibili nuovi assetti azionari. Bene le utilities con progressi superiori all’1,5% per Amga, Hera e Aem Torino.