Fiat lancia la 500 serbaIn Italia chiude una fabbrica

Da domani via alla "giardinetta". Il Lingotto ci ha investito un miliardo. Marchionne: "Con questo mercato uno stabilimento di troppo"

nostro inviato a Torino

Potevano essere giorni di grande festa per Torino, con la nuova Fiat 500L pronta a essere prodotta al ritmo di 600 unità al giorno nello stabilimento di Mirafiori. Era tutto previsto, a partire dall’investimento (circa 1 miliardo), ma il tira e molla con i sindacati sul contratto Fiat aveva ritardato oltre misura i progetti. Quindi la doccia fredda, il 22 luglio del 2010 direttamente dagli Stati Uniti: il programma L-0, ovvero la futura «Cinquecentona», non sarà più realizzato a Torino, bensì a Kragujevac, in Serbia, più o meno con lo stesso investimento ma con il valore aggiunto dei ponti d’oro messi in campo dal governo di Belgrado. Una vera doccia fredda ma anche la prima dimostrazione concreta del nuovo volto del gruppo Fiat-Chrysler (ieri il Lingotto, con l’acquisizione di un primo 3,3% in mano al fondo Veba, è salito al 61,8% della casa di Auburn Hills: valore dell’operazione meno di 200 milioni di euro), sempre più internazionale e orientato a produrre dove risulta più conveniente.

Sergio Marchionne va avanti per la sua strada, conferma gli investimenti annunciati, ma guarda con non poca apprensione ai dati delle immatricolazioni di automobili in Italia (-24,4% a giugno, ai livelli del 1979) e in Europa, da mesi in caduta libera. E per fortuna, fa capire, che il gruppo Fiat è sbarcato negli Stati Uniti e detiene la maggioranza della Chrysler. Il mercato Oltreoceano, infatti, continua a galoppare e Fiat-Chrysler fa da battistrada: +20% il mese scorso per i marchi del Michigan e +122% per la Fiat, grazie alla rediviva 500 e, in particolare, al modello griffato Abarth. Ma se in futuro anche le vendite negli Usa dovessero segnare il passo, ecco che i piani del Lingotto subirebbero un duro contraccolpo. E Marchionne, che ha programmato il rilancio di Mirafiori in funzione dell’esportazione negli States dei nuovi modelli (i Suv compatti di Fiat, mostrati ieri per la prima volta, e Jeep) pianificati nel 2013, ieri ha suonato un primo campanello d’allarme: «Se la situazione dovesse precipitare - ha spiegato l’ad - sarà impossibile mantenere in vita l’attuale capacità produttiva in Italia». Da qui la reale possibilità di tagliare uno dei cinque impianti nel nostro Paese. Le vendite ai minimi termini in Italia, viste a 1,4 milioni di unità nel 2012 (un milione in meno rispetto a pochi anni fa) e il problema, tuttora irrisolto, della sovraccapacità produttiva in Europa, senza un forte sbocco in altre aree, porterebbero il settore a una crisi senza precedenti.

Per ora l’America regge molto bene e la capacità produttiva degli stabilimenti di Fiat-Chrysler è praticamente al massimo del giri. «Ecco perché - afferma Marchionne - alla fine di quest’anno non ci saranno problemi, su quel mercato, a raggiungere la quota di 2,8 milioni di auto vendute». Vero è che Marchionne non può «fare a meno della tranquillità industriale» e, annunciando che oggi gli avvocati della Fiat depositeranno il ricorso alla recente sentenza su Pomigliano, dice chiaramente che «in caso di sconfitta, per far entrare i 145 operai della Fiom, dovranno uscirne altrettanti dalla fabbrica campana». «Non è vero - aggiunge a margine della presentazione della 500L - che il nostro è un atteggiamento discriminatorio: 20 dei nostri operai assunti, infatti, nel 2010 erano iscritti al sindacato di Maurizio Landini».

In questo clima senza dubbio teso e pieno di incertezze, ieri le Officine Grandi Riparazioni di Torino hanno ospitato il vernissage della Fiat «made in Serbia». Davanti al presidente onorario di Exor, Gianluigi Gabetti, e a Pio Teodorani-Fabbri, marito di Maria Sole Agnelli, insieme al management di Fiat Group Automobiles con Olivier François, designer e progettisti, il nuovo modello è stato presentato alla stampa. La 500L, che sarà in vendita dalla metà di settembre al prezzo base di 15.550 euro, potrebbe dare un’importante svolta al gruppo di Torino. Il prossimo anno sbarcherà anche sul mercato americano dove sarà offerto anche nella versione Trekking e, quindi, nella conformazione a sette posti (non è chiaro dove sarà prodotta). François non si è sbilanciato sugli obiettivi di vendita della 500L: si sa solo che, a regime, i 2.500 operai serbi (sono 1.450 ora) assembleranno circa 140mila unità l’anno.

La 500L, dunque, rimane per ora la novità di rilievo della Fiat per il 2012. E nel confermare i due Suv compatti per Mirafiori dal 2013, Marchionne ha ribadito che la nuova Punto resta nel freezer: «Farla ora sarebbe un fallimento, i prezzi sono tutti al ribasso».

Commenti

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 09:19

paghiamo l'orgia sindacale della fiomcgil!con la scusa di difendere non meglio precisati diritti,tra un pò non ci sarà più niente da difendere!

andrea bruscoli

Mer, 04/07/2012 - 09:26

incredibile. produciamo auto all'estero, e chiudiamo fabbriche che lo Stato, cioè noi, abbiamo fatto per gli Agnelli & C. Capisco, comprendo gli interessi di un impresa e dei suoi titolari e soci, ma non si può fare i furbi per sempre. Come mai non è venuta nessuna casa straniera a produrre in Italia, come avviene in tutti gli Stati d'Europa e del mondo ? Lancia e Alfa sono state regalate agli Agnelli per 4 soldi. Ed ecco il risultato. Audi, BMW, Volkswagen, Mercedes, Porsche, vendono a raffica in Italia e nel mondo. E noi ? La Pandina, la 500ina, e stop. Ormai è iniziata una fase che ci porterà dritti allo schianto. Non so come e cosa cambierà. Ma sarà inevitale un collasso del sistema, appesantito dai vincoli europei, ed il sostegno all'euro, applicato da cani e senza criterio. hanno costruito la casa sulla sabbia, invece che sulla roccia. La prossima piena spazzerà via tutto. Noi compresi. Ciao neh, Andrea

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 09:35

paghiamo anche la mancanza di una politica energetica nazionale,che ci fà pagare una bolletta tra le più care d'europa!e ci siamo fatti pure affossare il ritorno al nucleare dalle fobie isteriche rossoverdi!le nostre aziende pagano l'energia il 40%in più dei loro concorrenti europei,chi investirebbe in queste condizioni?il tanto decantato conto solare sta arricchendo cinesi e tedeschi,e noi?per fare energia sco.rregeremo in massa nelle turbogas di cdb!

onofri

Mer, 04/07/2012 - 09:52

Serbia. Ancora una volta il maglioncino stagionato ha dimostrato la sua incapacità. Ponti d'oro, per lo più pagati dalla comunità internazionale dopo la guerra. specializzazione della manodopera prossima allo zero. qualità del prodotto in linea con il marchio Fix It Again Tony. paese con velleità europeiste già oggetto di attenzioni. si è chiuso un occhio sugli aiuti statali per via della ricostruzione post bellica, ma non durerà molto e a quel punto fare le auto li e tentare di venderle in europa sarà ancora più costoso. al momento la manovalanza locale è poco più che schiava, ma come i cinesi insegnano in poco tempo cresceranno le richieste e le aspettative. Marchionne si dimostra per quello che è: un parassita.

onofri

Mer, 04/07/2012 - 10:05

#3 killkoms: curioso. il gruppo VW ha comprato mezzo distretto motoristico italiano. quasi la metà dei componenti BMW, e MERCEDES lo fanno i vecchi fornitori FIAT. L'alimentare è quasi tutto dei francesi così come la grande distribuzione, salvo la coop, per fortuna. Ormai trovare un'azienda che sia solo italiana è difficilissimo. per lo più sono piccole realtà gestite da analfabeti che producono robaccia pretendendo poi di venderla come oro (so di cosa parlo). quelli che reggono bene sono coloro che hanno fatto il loro mestiere: imprendere, rischiare del proprio. Si sono ingranditi, hanno sperimentato e si son fatti i muscoli. Hanno rischiato e adesso stanno guadagnando bene. Nessuno vuole una 500 fatta in serbia se con meno soldi può prendersi un prodotto migliore fatto da aziende serie. non scherziamo dai.

Ritratto di pedralb

pedralb

Mer, 04/07/2012 - 10:02

I lavoratori Italiani potranno finalmente ringraziare di cuore a FIOM-CGIL........ed emigreranno in Serbia a lavorare per 500 euro al mese.

claudiocodecasa

Mer, 04/07/2012 - 10:11

i sindacati, un potere nel potere e sono pieni di soldi

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mer, 04/07/2012 - 10:20

@ Onofri scrive "Ormai trovare un'azienda che sia solo italiana è difficilissimo. per lo più sono piccole realtà gestite da analfabeti che producono robaccia." Questa è la più grande c*****a che ho letto quest'anno nei commenti sul Giornale, ma siamo solo a luglio, anche se difficile, qualcuno potrebbe scalzarla da qui a Natale.

Random64

Mer, 04/07/2012 - 10:44

cara cgil, cari apparati del pappostato se la fiat fà come al solito costruire macchine agli "zingari" di turno è solo colpa vostra!!!

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 10:52

#8 Raperonzolo Giallo: ecco bravo, allora smetta di scrivere. Il famoso mercato a nicchie, tanto osannato e tanto celebrato nei talks inutili e' finito !!! ha funzionato per il tempo che doveva, ora non basta più. ora il famoso bullone lo si cerca dove viene prodotto bene e ad un prezzo ragionevole, non più dallo storico fornitore con cui si facevano le grigliate ipocrite. lo storico fornitore adesso ha il suv e la villetta sulla tangenziale, ma non si è evoluto. il bullone che tanto andava bene per così lungo tempo ora non funziona. outsourcing. la famosa relazione interpersonale a nicchie che garantiva al fornitore commesse importanti senza preoccuparsi più della qualità ora non funzione più. il cambio della ducati lo fanno fare da qualche parte in estremo oriente perchè i fornitori locali per anni hanno alzato i prezzi senza però alzare la qualità. di suo la ducati ci mette su una profittabilità inusitata che però non arriva agli operai. raperonzolo, si dia una guardata in giro.

lucioottavio

Mer, 04/07/2012 - 11:04

Se lo stipendio non basta per arrivare a fine mese, come si può pretendere che la gente compri automabili???? Mi dispiace moltissimo che la nuova cinquecento sia prodotta in Serbia anzichè in Italia, ma con i sindacati che abbiamo che non capiscono un fico secco, è logico che chi può se ne va fuori dalla scatole a produrre. Chi è quell'imprenditore che dopo aver sborsato milioni, accetta che siano quattro cretini a comandare in casa sua?? Monti dovrebbe togliere oltre ai patronati, anche ai sindacati i cospicui fondi che percepiscono. Che stiano in piedi con le proprie gambe se ne sono capaci.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 11:19

#11 lucioottavio: "Chi è quell'imprenditore che dopo aver sborsato milioni, accetta che siano quattro cretini a comandare in casa sua?? "...tipo la VW nel distretto emiliano romagnolo che è il più sindacalizzato d'Italia ? ...p.s. il buon marchionne di milioni non ne ha sborsato ancora nessuno, finora li abbiamo sborsati solo io e lei, probabilmente solo per pagargli lo stipendio.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 11:29

I lavoratori di Mirafiori devono esprimere una profonda riconoscenza ai sindacati per questa aquilata. Del resto ça va sans dire... in quanto alla cinquecentona serba ho il ricordo di un'auto Fiat costruita in Polonia con i pistoni di diametro sbagliato che fondeva dopo 2/3.000 km...

mariolino50

Mer, 04/07/2012 - 11:34

Visto che il figuro col maglioncino le fà in serbia che le venda lì, non bisogna comprargliene nemmeno una, comprare qualsiasi altra cosa ma non quella, e hanno anche il coraggio di scriverci Fiat, ovvero fabbrica italiana automobili Torino, hanno una coscienza come un ameba, solo sfruttare e poi buttare via il limone spremuto sanno fare, i tedeschi queste porcherie le fanno molto meno, le loro macchine sono gran parte veramente made in Germany, e con molte parti fatte in Italia, compresi anche dei motori interi.

enemy_of_all

Mer, 04/07/2012 - 11:31

#11 lucioottavio.... non mi pare che quel parassita di marchionne abbia sborsato un solo euro per il momento... comunque le sue politiche aziendali sono semplici, azzerare i diritti dei lavoratori per competere con la Cina, inserire il modello yankee senza i vantaggi del modello yankee... mi spiace ma io non ci sto e vorrei vedere se i vostri figli lavorassero in queste condizioni...

Ritratto di Blent

Blent

Mer, 04/07/2012 - 11:41

ringraziamo i sindacati per gli ulteriori disoccupati che ci creano.

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 11:51

#5onofri,hai buttato giù un insieme di ignoranze!se i produttori di componenti fiat sono apprezzati dai teutonici,come poteva la fiat,con gli stessi fornitori assemblare robaccia? la tanto decantata coop,pseudocooperativa con soci dipendenti,se non servi,è stata proprio l'ostacolo principale alla grande distribuzione in Italia;ostacolo rafforzato anche dalla dc che nei piccoli negozianti aveva un punto di forza!tutto ciò,ci ha però fatto arrivare tardi all'appuntamento con la grande distrubuzione europea,che con le normative ue,e grazie al lavoro di un certo eurocommissario di nome monti,ci ha massacrato! a prescindere che da sempre il"meglio"della produzione và all'estero,i tedeschi non hanno solo una tradizione industriale più vecchia della nostra,ma anche un diverso concetto del lavoro!!quella che tu chiami"serietà",non la si inventa ma la si costruisce!e i tedeschi l'hanno costruita,allontanando dalle fabbriche gente come camusso,landini,airaudo e i 3"eroi"di melfi!

alberto51

Mer, 04/07/2012 - 11:55

Camusso, se continui a fare minchiate se ne andranno anche quelle piccole, e in parte lo stanno facendo.Stai a casa, questo sindacato ideologicizzato ci porta alla morte, e i cittadini quando se ne renderanno conto sarà tardi.Smetila di far male a TUTTI gli ITALIANI.STAI A CASA, CHIUDITI DENTRO E NON USCIRE PIU'.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 11:51

#13 guidode.zolt: se lascia da parte il dettato costituzionale per cui secondo lei qualsiasi cosa non vada bene a sallusti allora è komunista, si renderà conto che gli unici che davvero pensavano e pensano ancora ai lavoratori di mirafiori e della fiat in generale sono solo i sindacati. e non è detto che siano infallibili.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 11:47

#14 mariolino50: inutile scriverlo o ricordarlo. a parte qualche bananas chi è quel matto che si compra una ciofeca di marchionne che non dura da Natale a Santo Stefano per di più fatta in serbia per 15.500 € ???? il mercato propone cose molto migliori a prezzi molto più bassi.

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 12:27

#14mariolino50,vada a vedere quante made in germany,vengono da altrove!financo il potento v10 volkswagen,montato anche dalle lamborghini,viene assemblato in ungheria! i tedeschi sono andati in cina moolto prima della fiat!

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 12:22

#20ronofri53,c'è chi compra da cinesi,coreani ed indiani,vuoi che non comprino le fiat made in serbia?

cotoletta

Mer, 04/07/2012 - 12:33

BENE MARCHIONNE PORTA VIA LE FABBRICHE DALL'ITALIA COSI' I SINDACATI SMETTERANNO DI VOLERE COMANADARE ANCHE IL DATORE DI LAVORO CON I COMPAGNI GIUDICI. TANTO ALLA CAMUSSO E A LANDINI CHE GLIE NE FREGA? LORO QUALCHE BUCO IN POLITICA LO RACCAPEZZERANNO. prego pubblicare, grazie.

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 12:25

il montepschi,la più antica banca del mondo,con sede a siena,e di provata fede rossa,ha appena annunciato la chiusura di 400 filiali e "l'esodo"di 4600 dipendenti!domanda;cosa sarebbe successo se la fiat annunciava la chiusura di una fabbrica con 4600 dipendenti?

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 12:34

#17 killkoms : va bè...hai ragione tu. tutta colpa dei comunisti. caronte l'ha portato la camusso nonstante l'eroico berlusconi con intrepido coraggio ingaggiava un epica battaglia per tenerlo lontano dal suolo patrio. e dire che io di berlusconi e kompagni non ne avevo davvero parlato. solo economia e realtà manufatturiera. a proposito, è vero, i tedeschi la serietà l'hanno costruita, hanno allontanato dalle fabbriche gente come camusso,landini,airaudo e i 3"eroi"di melfi! li hanno fatti sedere in consiglio di amministrazione. Bene, dai, scusa, ma che ci parlo a fare con quelli come te.

paolo gippo

Mer, 04/07/2012 - 12:37

Con questi sindacati e con questa magistratura e' giusto che chi vuol lavorare e far lavorare, se ne vada altrove. Grazie compagni, grazie!

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 13:36

x ronofri53 dato che lei è il tipico detrattore dei prodotti italiani le voglio solo dire che ho sempre acquistato Fiat faccio l'agente di commercio e le mie macchine fanno mediamente 50/60000 km all'anno e al momento le uniche due vendute perchè non circolavano più sono state una Croma nel 1992 perchè incendiata ( uno si è divertito ad incendiare il bidone dei rifiuti che si è propragato alla mia vettura, ed una nel 1998 una Ulisse che fu tamponata e sbatuuta nella corsia opposta quindi irrecuperabile per il resto in media ho sempre fatto dai 180.000 qai 250.000 sempre senza problemi la Stilo che ho passato a mio figlio 2 anni fa ha 345000 km e l'unica cosa sono da rifare le sospensioni

Ritratto di libeccio

libeccio

Mer, 04/07/2012 - 13:32

Qua siete tutti imprenditori?Perchè se siete operai non ragionereste a questo modo.Marchionne fa i cavoli suoi,non gli operai.Marchionne vuole operai che non aderiscono al sindacato.Ma dove siamo?Gli operai si iscrivono al sindacato per libera scelta,nessuno gli mette una pistola alla tempia per iscriversi.Parlate di Magistratura,sindacati e non parlate di Marchionne.Non parlate dei miliardi che ogni lavoratore ha pagato per la FIAT.Marchionne faccia qualcosa di buono invece di chiudere fabbriche.Investa in nuovi modelli.Si muova invece di sentirsi Dio in terra. In serbia costruiscono la nuova 500?Marchionne dice che il costo lavoro è minimo.Ma allora mi spieghi Marchionne perchè in Germania gli operai dellavolkswagen 2600 euro netti contro 1.400,del lavoratore italiano e paga più tasse?

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 13:35

#26 paolo gippo: prego, non c'è di che, è gisuto che chi non è capace di far lavorare e vorrebbe solo schiavi se ne vada via da un paese civile così che aziende come la VW possano investire paccate di euri proprio nel distretto più sindacalizzato d'italia.

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 13:39

mariolino50 non voglio illuderla ma il made in Gerrmany è un bel fumo negli occhi VW costruisce ormai Polonia e Spagna, così pure le altre aziende dalla Mercedes alla BMW

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 13:34

#25ronofri53,un pò in tutto il mondo industriale occidentale i sindacalisti siedono nei consigli di amministrazione,ma ci sono Sindacalisti e sindacalisti!e ribadisco;gente dello spessore di quei soggetti summenzionati,come direbbe il buon pasquale esposito,per esperienza diretta in materia,in germania pulirebbero soloi cessi!lofferta di sedere nei cda aziendali,fù fatta a suo tempo anche ai nostri sindacati,che declinarono!"dobbiamo fare la otta di classe,noi",risposero!lotta di classe che si traduce come nell'apocrifo regolamento della reale marineria borbonica in un"facite 'mmuina"!

rokko

Mer, 04/07/2012 - 13:40

E sì, è sempre colpa dei sindacati ... Ma per favore.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:02

#27 ghibli10 : commento inutile. mi dica lei come si fa a sapere se un prodotto è made in Italy sul serio (dal proprietario ai dipendenti) o se chissa cosa. le sue Fiat miracolate ? certo, certo. guardi un consiglio: le esponga in un museo ! io ne ho avuta una sola, una 127, era già arrugginita ancor prima di prendere la pioggia. e sa qual'è l'ironia ? che io guido una straca...o di auto di marchionne. Una chrysler comprata usata prima che il maglioncino prendesse i soldini di barak. non ha idea di quanto mi roda dargli i soldi per il tagliando.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:06

#32 rokko: la cosa pazzesca è che se un imprenditore è palesemente incapace questi qui danno sempre la colpa ai sindacati perchè nella loro testa sono rossi ! poi si dimenticano che in Fiat quel sindacato li NON L'HANNO più. Hanno i sindacati bianchi, quelli di bonanni e angeletti, quelli del forza marchionne !!!

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 14:14

#19 ronofri53 Egregio, a parte il fatto che ragiono con la mia testa e non con quella di Sallusti, col cui pensiero mi trovo spesso in accordo, ma non sempre, credo che i sindacati siano stati il cancro della societa' dopo il '68, anno in cui hanno cessato di avere una funzione sociale e si sono trasformati in organismi politici! I danni provocati da loro saranno quantificati soltanto nell'avvenire...cordialita'.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:16

#31 killkoms: va bene, va bene. ha ragione. se poi cita pasquale esposito allora io mi tiro immediatamente indietro. scusi, pensavo lei fosse di altra pasta.

fossog

Mer, 04/07/2012 - 14:17

Fà quello che fanno tutte le altre multinazionali... la colpa è di chi permette l'ingresso nella UE di prodotti fabbricati in paesi dove il costo del lavoro è un decimo del nostro.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 14:22

Posseggo una VW Passat e, in Romania, ho avuto necessita' di sostituire un tendicinghia senza il quale la macchina dev'essere trainata. Mi e' stato montato un pezzo di ricambio, marchiato Audi, ma costruito in Turchia. Ho dovuto sostituirlo, con un pezzo costruito in Germania, 10 gg. di attesa, dopo soli 1.200 km....! fantastica la delocalizzazione!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 04/07/2012 - 14:23

In Serbia si farà la "500 Fiat", però in Italia si farà la "145 Fiom".

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 14:28

Vorrei ricordare a quelli che tirano giu' su Marchionne che lo stesso, alla Chrysler, fu applaudito DALLE TUTE BLU e tuttora beneamato.

ilcomunismohavinto

Mer, 04/07/2012 - 14:31

Caro sig. libeccio, bel commento ! . Ma mi spieghi, quali armi di pressione o persuasione intende utilizzare per obbligare il sig. Marchionne a comportarsi come vuole Lei (e in Italia)? I tedeschi vendono auto costose in base ad un prestigio tecnico, favorito da una politica non ostile all'auto di lusso come in Italia, dove in 30 anni a partire dall'IVA al 38% per finire con l'attuale indetraibilità e redditometro hanno regalato il mercato premium ai tedeschi grazie alle teste "sinistrate".

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 14:30

se c'e' chi ha comprato la 5oo Fiat polacca ci sara' anche quello che compra quella serba. Vivo attualmente a Vieste ed ho scoperto che la Puglia e' il regno della Fiat. Provenendo da Vr non avevo mai visto tante Fiat tutte insieme e allegramente ... (allegramente e' riferito a Marchionne)

marinaio

Mer, 04/07/2012 - 14:34

#34 ronofri53: se per lei Marchionne è un "imprenditore palesemente incapace", le devo dire che non c'ha capito proprio nulla.

Il_Presidente

Mer, 04/07/2012 - 14:35

tutta colpa di quei paesi straccioni dove la forza lavoro costa molto meno che quì, il lavoratore italiano non può mai competere con la concorrenza di morti di fame che si vendono a 1/3.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:42

#40 guidode.zolt: applaudito ? se lo dice lei. vada a farsi un giretto da quelle parti.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 14:42

a mio parere la Fiat arrugginisce gia' sul depliant...

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:55

#35 guidode.zolt: e va bè. speriamo tornino ad essere come quelli di prima del 68 allora. Una preghiera : non usi nomi di patologie così importanti per favore. e' una questione di rispetto.

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 14:55

#36ronofri53,in un paese civile,ognuno ha il diritto di dire la sua.e poi scusate,parlate tanto di democrazia,di sindacato,di operai,e ne denigrate uno che da 42 lavora alla catena di montaggio di una grande industria automobilistica?qualcuno gli ha chiesto"ma come mai con 42 anni di lavoro non sei già in pensione"?la germania è messa economicamente megliomdi noi,anche per quello!non ci sono quelle prepensioni che da noi erano"sacre"fino a pochi anni fà!quì non si tratta di difendere la fiat,che ha le sue colpe, ma il lavoro che rischia di scappare dall'Italia!e se salta fiat,per il resto del mondo significherà che non c'è più futuro per l'industria da noi! p.s.,1000 volte meglio un LAVORATORE come pasquale esposito,che un buffone BRA(braccia sottratte all'agricoltura)come quell'ignorante di landini!

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:47

#39 Gianfranco Robert Porelli: macchè 145 Fiom, marchionne ha già annunciato che farà la 500 Higgs con motore bosonico. finestrini elettrici ed aria condizionata sono optional.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:53

#46 guidode.zolt: ahahaha...

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 14:54

#43 marinaio: oh bhè...se per capace lei intende parassitario allora marchionne è un genio.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 15:01

#48 killkoms: non è che sia un grande esperto di nick e quant'altro, ma non ci vuole mica un genio per capire che sotto Pasquale Esposito e killkoms batte il cuore della stessa persona .... bugiardina direi, quindi per me il discorso è già chiuso. buona giornata.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 15:07

#47 ronofri53 ...dice che il cancro potrebbe innervosirsi...?

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 04/07/2012 - 15:11

Intanto un magistrato “italiano” (con giurisdizione nel bel paese) ha ordinato che la Fiat deve assumere 150 operai colorati di rosso. Dove andranno a lavorare? In Serbia?

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 15:17

e' giusto che Marchionne lanci la Fiat 500 serba, fa parte di una normale operazione di marketing, ma il problema e' dove dovrebbe essere lanciata....

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 04/07/2012 - 15:19

Intanto un magistrato “italiano” (con giurisdizione nel bel paese) ha ordinato che la Fiat deve assumere 150 operai colorati di rosso. Dove andranno a lavorare? In Serbia?

ke giornale

Mer, 04/07/2012 - 15:30

spendono 4 soldi a costruirla ( di cui una parte direttamente dallo stato serbo) poi ce la vendono a peso d'oro!!!!LADRI LADRI LADRI

papeppe

Mer, 04/07/2012 - 15:32

Quindi la città di Torino (l' Italia) ha perso , per le lungaggini del sindacato, il lavoro per 2500 cittadini. Il sindacato era cosciente del danno che poteva arrecare alla città ? Forse è inutile farsi questa domanda perché i rappresentanti sindacali non erano lavoratori Fiat e non erano Torinesi , non avevano evidentemente come primo interesse il potenziamento del lavoro nello stabilimento. Mi domando come hanno fatto il 45% dei lavoratori di Mirafiori a lasciarsi convincere da sindacalisti provenienti da Roma ( non legati nel loro lavoro e di quello dei loro figli al destino dello stabilimento) a votare contro l'accordo che prevedeva un forte investimento Fiat e quindi un rilancio del loro stabilimento.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 15:34

#53 guidode.zolt: no, dico che qualcuno potrebbe soffrirne e non aver piacere di leggere "scemate" di questo tipo. penso lei capirà.

ke giornale

Mer, 04/07/2012 - 15:44

15500 euro quel catorcio!!! ma hanno un idea delle macchine che ci sono in giro a quei prezzi....migliori in tutto!!! e qui stiamo a parlare di sindacati e maglioncini!!!!

patty

Mer, 04/07/2012 - 16:15

Come capo delle risorse umane la fiat potrebbe assumere la Camusso.

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 16:26

#58 papeppe : eeeehhh, lo vediamo l'investimento. lo vediamo. la domanda vera è come fa gente come lei a credere al maglioncino. del resto mi pare dai suoi profondi ragionamenti che lei sia un elettore pdl. quindi se ha creduto a silvio perchè non al maglioncino.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 16:30

#59 ronofri53 ..mai obbligato qualcuno a leggere i miei commenti...

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 16:34

x ronofri53 di 127 ne ho avute 2 la prima del 1973 e la seconda 5 anni dopo e tutta quella ruggine di cui parla non ne ho mai vista la prima croma del 1988 ha fatto 240.000 prima di essere incendiata da un piromane di notte e ho fatto solo i tagliandi ed il suo motore sta ancora funzionando sulla campagnola che uso il sabato e la domenica ( quella si è piena di ruggine ma va dove solo il Land Rover arriva e non parliamo delle altre dalla mitica thema ie 16 valvole turbo con la quale davo la paga alle Porsche si ricordi che tutte le innovazioni tecnologhiche sono uscite dalla Fiat e riprese e adottate solo in seguito dai tedeschi , vedi Camon rail le tedesche non sono poi così meglio dell'italiane, qualche scricchiolio in meno è vero, e avrei molto da ridire come tenuta e prestazioni sopratutto in accellerazione

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 16:35

#52ronofri53,ma a parte le chiacchiere da bar,qual'è la sua verità?

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 16:38

#57 ke giornale..guardi che non e' mica obbligato a comprarla, sa?..e poi un'operazione di questo genere, se avra' risultati, sara' stata positiva, altrimenti sara' stata negativa...

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 16:43

#59 ronofri53 noto, con dispiacere, che Lei e' fermo al Cominform, e dovrebbe adeguarsi, ma questo e' solo il mio piccolo pensiero... ed una piccola critica...

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 16:46

#61 patty: bravissima. senza ovviamente volerlo lei ha citato il punto. la camusso a capo delle risorse umane della fiat sarebbe un colpaccio. sa cosa davvero hanno le aziende vincenti ? sa qual'è il loro principale prodotto ? le teste che pensano (quindi mi spiace ma credo lei rimarrà disoccupata). tutte le eccellenze italiane l'hanno capito da un bel pezzo (si figuri che alla google fanno dormire i dipendenti come e quando vogliono, alla mattel hanno una sorta di factotum, e di casi simili ce ne sono a centinaia). crede che la ferrari vada così forte in pista perchè l'ha pensata inventata e prodotta il maglioncino ? magari in serbia ? no, l'hanno pensata, immaginata, progettata e costruita degli omarini. dei metalmeccanici (il contratto del reparto corse ferrari è esattamente quello dei metalmeccanici).

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 16:53

#63 guidode.zolt: non era una provocazione la mia. solo una preghiera di avere un pò più di sensibilità. tutto li...se non ne è capace pazienza. che devo dirle.

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 17:02

x ronofri53 quello che non capisco che lei critica Marchionne che, a causa di costi di produzione proibitivi in Italia, apre fabbriche all'estero e inneggia a marche straniere che fanno da molto prima di Marchionne la stessa cosa si domandi perchè la Fiat si sia decisa ora a chiudere le fabbriche in Italia , quali sono le cause , non credo perchè 3 operai boicottano una linea di produzione o sia costretto ad assumere 140 operai della FIOM, dato che è dal 1968 che cellule sindacaliste boicottano le auto mettendo dentro bottiglie di coca cola nel cambio o staccando i fili elettrici dopo il collaudo , e questo perchè il padrone doveva essere castigato ( gli Agnelli) avrebbe potuto falo già da un pezzo e parlo perchè ho conosciuto a suo tempo elementi di queste cellule che si vantavano di queste operazioni di guerriglia, dato che eravamo ai tempi del 68/69 agli inizi delle lotte sindacali

giovanni_70zz

Mer, 04/07/2012 - 16:55

per #66 guidode.zolt. Caro signore, ardita e complessa sintesi, la sua. In fondo a Marchionne non fa differenza: lui la paghetta ce l'ha comunque, pure se diventa il rappresentante vendite Chrysler USA ... Altra cosa è fabbricare automobili ...

cgf

Mer, 04/07/2012 - 17:03

TUTTI CON LA MEMORIA CORTA? La 500 doveva essere prodotta in Italia, grazie Landini, grazie Epifani, Grazie A TUTTA LA FIOM, ALLA CGIL, AI COMUNISTI ITALIANI, A BERSANI E KOMPAGNI TUTTI.

Giustopeppe

Mer, 04/07/2012 - 17:01

Bisognerebbe far tornare in vita la buonanima dell’ avvocato, allora si che la FIAT era in attivo e con tutte quelle fabbriche in Italia. Al governo c’ era il centrosinistra che finanziava soldi a gogò con il benestare dei sindacati e la FIAT che ogni anno metteva in cassa integrazione i dipendenti, pagati quindi dalle nostre tasche. I finanziamenti arrivavano dal governo, la buonanima, allora, finanziava il PC e tutto filava liscio finché non si sono accorti che in cassa non c’ era più una lira. Via dall’ Italia allora, con macchine che costruiscono all’ estero con tremila euro +/- di spesa e le rivendono come costruite in Italia a quindici/ventimila euro. Verrebbe da pensare a qualche altra “buonanima”...

nonnocarlo

Mer, 04/07/2012 - 17:09

un governo normalmente capace,non geniale ma banale, invece di prendersela con i tassisti o con gli esodati ecc.ecc avrebbe dovuto SUBITO FARE PROVVEDIMENTI PER EVITARE LA FUGA DELLE NS INDUSTRIE NON DICO IN CINA MA ALMENO IN PAESI AI NS CONFINI ... PENSARE CHE GLI ITALIANI SONO DISOCCUPATI ,MENTRE UNA DITTA ITALIANA DA LAVORI AD ALTRI....QUESTO PROPRIO NON LO SOPPORTO MA QUESTO A monti e ai partitini che lo appoggiano NON INTERESSA BEN VENGA 5 STELLE.....

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 17:07

x ronofri53 infine se comunque le auto del gruppo Fiat sono così pessime come lei le descrive perchè il 30% del mercato è a suo appannaggio ( ancora oggi) considerando le offerte di un numero impressionante di marchi ( i pare oltre i 30 marchi) presenti in Italia stando alle sue denigrazioni dovrebbe coprire solo il 5% del mercato

ghibli10

Mer, 04/07/2012 - 17:19

x ronofri53 quelli della Ferrari sono metalmeccanici ma con una dote in più pensano all'azienda e non lottano contro l'azienda lavorare in Ferrari come in tante piccole e medie aziende emiliane è un vanto e spesso non vogliono nemmeno avere il sindacato a rompere le scatole si lavora perchè facendo il propio lavoro non solo si porta a casa il salario ma si mantiene l'azienda, che una voltra prosperava nonostante ci fosse un socio ( lo Stato) che si incamerava il 75% degli introiti, a dei livelli di produzione accettabili. sindacati che spesso tutelano i ladri( vedi quelli colti a rubare a Malpensa e che grazie al sindacato non sono stati licenziati) o quelli delle varie ASL colti inflagrante da Striscia la Notizia che non sono mai stati licenziati non sarà forse per questi motivi ( tasse esagerate impossibilità di licenziare ladri e furbetti) che le grosse aziende che possono scappano dall'Italia? la Camusso potrebbe cambiare questo ma solo quando smetterà di proteggere i furbetti

Ritratto di Marco_Aurelio

Marco_Aurelio

Mer, 04/07/2012 - 17:33

#72 cgf Lei scrive la solita litania.......TUTTI CON LA MEMORIA CORTA? La 500 doveva essere prodotta in Italia, grazie Landini, grazie Epifani, Grazie A TUTTA LA FIOM, ALLA CGIL, AI COMUNISTI ITALIANI, A BERSANI E KOMPAGNI TUTTI........forse dimentica che abbiamo a che fare con uno che va in giro col maglione blu sia d'inverno che d'estate! Il vero problema è che la Fiat produce NON auto ma CESSI d'auto che nessuno più compra! Non basta chiamarsi CINQUECENTO per vendere.....e poi......ma perchè mai dovrei comprarmi una FREEMONT o una THEMA al cospetto di un'AUDI di una VW di una BMW??? Ha deciso di produrre quest'altra opera in Serbia? Per me e tanti altri sarà un motivo in più per non comprare Fiat!!! Le ricordo solo che in questi giorni la VW sta versando ai suoi operai, che guadagnano già il doppio di uno Fiat, l'ultima trance del premio di produzione pari a 7mila euro a cranio! Capito? Se Marchionne col maglione blu permanente, amministrasse la VW ridurrebbe in povertà anche loro!

ronofri53

Mer, 04/07/2012 - 17:37

#70 ghibli10: se è per questo anche gli Schiavi sputavano nei piatti del padrone prima di prendere misure un pochino più efficaci. Che la quota fiat in italia sia del 27% è davvero misterioso, che a giungo abbia venduto 38.000 unita, come quelle che vendette intorno al 77 è illuminante. globalmente penso non arrivi davvero al 5% ma non ci giurerei.

tony42

Mer, 04/07/2012 - 17:38

Se la riporti indietro la sua 500 il sig. non ricordo come si chiama. Pensa sul serio di essere furbo che va a produrre macchine in Cina e in Serbia dove il costo del lavoro è molto più basso che da noi e poi venirlae a vendere qui spacciandola per Italiana? Se la tenga! La venda in Serbia o in Cina! Non so ancora perchè seguiti a portare all'estero il marchio Fiat che una volta significava Fabrica Italiana Automobili Torino. Diciamo che se la importa in Italia, lui come tutti i produttori che nominativamente sono italiani ma hanno la FABRICA all'estero, dovrebbero pagare un dazio di entrata pari alla differenza del suddetto costo del lavoro.Se così non è vuol dire che il Ministro competente desidera la chiusura di tutte le fabbriche italiane, ed allora sarebbe un atto di sabotaggio, passibile, a scelta, di impiccagione o fucilazione, perchè se non lo sapete, siamo in guerra: ci vogliono spacciati.

tony42

Mer, 04/07/2012 - 17:46

E questa Europa così che permette la concorrenza di questo tipo, sleale, mi pare sia incapace di capire l'A B C dell'economia e quindi, siccome non mi fido per niente del sorriso pecorino del Sig. Monti che pensa di appiopparci una vittoria per una legnata, ricevuta dalla Merkel, è meglio abbandonare subito l'idea EU e ritornare alla nostra bella lira che svalutata però fa lavorare tutti, alla faccia di questi scemi che ad onta della Costituzione dicono che il lavoro non è più un diritto e però seguitano a metter tasse o ad aumentare l'IVA come se la gente che non lavora avesse la stampante per produrre saghej. Insomma è un tentativo fallimentare quello di Monti e quelle capre che dovrebbero dargli il ben servito sono avvisate.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 04/07/2012 - 18:16

Intanto un magistrato “italiano” (con giurisdizione nel bel paese) ha ordinato che la Fiat deve assumere 150 operai colorati di rosso. Dove andranno a lavorare? In Serbia?

bloodisland

Mer, 04/07/2012 - 18:21

Marchionne ha ragione non è il costo del lavora che f a scappare le aziende ma il sistema italia e in primis il SINDACATO quando alla fine degli anni sessanta le richiesta di 124/128 i due modelli più richiesti grazie ai sindacati(che sono sempre quelli di adesso) impedivano la produzione tanto che pur avendo un surplus di manodopera(sempre per i sindacati)ci voleva un anno minimo di attesa,e anche quelle prodotte uscivano boicottate sabotate camions compresi(parlo da adetto ai lavori 50 anni di carrozzeria da artigiano)la Simca dell'epoca faceva consegne seza anticipi bastava il cert di residenza,il sindacato dell'epoca ha gabbato TUTTI gli operai facendo scioperi che non servivano a niente,ma di notte gozzovigliavano con Agnelli.Ci sono voluti quasi 20 anni perchègli operai si rendessero conto della presa per i fondelli dai maestri dello sfascio,e se la FIAT è stata sovvenzionata a spese di tutti è solo per mantenere il posto di lavoro in esubero

bloodisland

Mer, 04/07/2012 - 18:30

continua-tanto e vero che quando la fiat ha minacciato il licenziamento per gli assenteisti cronici si sono presentati al lavoro 3 squadre per turno e a casa sono rimasti solo quelli veramente impossibilitati per cause di salute,in quel periodo ero in visita agli stabilimenti fiat di torino e volvera e ho visto con i miei occhi gli impiegati nascondersi al nostra passaggio perchè non sapevano che fare,per tornare ai gioni nostri Marchionne non vuole gli aiuti dallo stato ma che la gente lavori e lo stato burocratico e imbelle molli la presa su tutto il comparto produttivo,in quanto a sindacati quelli italiani dovrebbero SCOMPARIRE per sempre e sostituirli con sindacati che non abbiano origine italiana,èerchè è dimostrato che fanno tutto pro domo sua per assicurasi un posto in parlamento e ridere alla e vivere alle spalle di chi ha creduto in loro

Ritratto di mark 61

mark 61

Mer, 04/07/2012 - 18:38

vattene pero prima restituisci tutto quello che ti abbiamo dato x anni !!!!!!!!!!!

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Mer, 04/07/2012 - 18:53

Dopo averla tirata troppo, qualsiasi corda si spezza: gli Italiani possono ben ringraziare i sabotaggi e le serrate ordinate dai Kompagni dei sindacati, appoggiati dalla magistratura quando, espulsi, i sabotatori sono stati fatti reintegrare dagli "illuminati" togati. L'economia, oggi, viaggia con metodi e ritmi che non sono più quelli di Bella ciao e delle bandiere rosse...

antiom

Mer, 04/07/2012 - 18:55

Sono avvilito da tanta ignoranza e denigrazione, da pensare,anche, per la presenza di alcuni commenti validi, di persone perbene: che gli uomini eccezionali non saranno mai capiti da deficienti detrattori da bar, tanto al chilo! La tecnologia italiana in campo automobilistico è la migliore e più innovativa del mondo, già dalle antiche e mitiche Lancia, a finire al common rail e multiair, Io posseggo una Panda prodotta in Serbia: va benissimo e non fa nessun rumore, mio figlio la nuova 500 Bifuel che è uno schianto che già dalla chiusura delle porte fa capire che è finito il periodo delle scatolette Infine gli sciocchi menzionano sempre la Wolkswagen e mai l'Opel e Ford che sono nettamente superiori!

giovannib

Mer, 04/07/2012 - 21:47

e chi dobbiamo ringraziare per questo? Ma quei LAZZARONI OTTUSI dei sindacati; che non difendono il lavoro italiano ma le loro SPORCHE TASCHE basta vendere tessere VERGOGNATEVI!!!!!!! I SINDACALISTI "AL ROGO" sono la rovina dei lavoratori italiani

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 04/07/2012 - 21:54

Fatta in Serbia? Se la comprinoi serbi. Non perche' fa schifo, perche' ha tolto lavoro in Italia.

guidode.zolt

Mer, 04/07/2012 - 22:47

#71 giovanni_70zz Egregio, io non la trovo ne' ardita ne' complessa la mia sintesi, la trovo piuttosto "una constatazione". In quanto alla sua paghetta l'Italia e' piena di manager strapagati anche da aziende che hanno ridotto all'osso, lui lavora e cerca una via mentre i manager citati se ne vanno con buonuscite stratosferiche malgrado i risultati!

killkoms

Mer, 04/07/2012 - 23:04

#88stenos,guarda che a"mandarla"in serbia,è stata la tracotanza fiom!

stefano.colussi

Gio, 05/07/2012 - 01:17

I serbi sono lavoratori e guerrieri...a Trieste la Comunità serba è di circa 20/30mila persone. Sono bravi e hanno voglia di lavorare. E il dottor Marchione in maglione e barba incolta ha fatto 1+1...e ciaooooo come dicono a Roma. Stefano Colussi, Cervignano del Friuli, Udine.

giovanni_70zz

Gio, 05/07/2012 - 09:35

per #89 guidode.zolt. Caro signore, non capisco (troppo complesso per me, evidentemente) "malgrado i risultati!" ... Di quali risultati sta parlando per il signor Marchionne? Avere salvato i lavoratori di Chicago? Allora sono d'accordo: il signor Marchionne ha dato una mano all'industria automobilistica americana. Evidentemente ne avevano più bisogno loro di noi. Certo, vendere automobili in un paese significa anche molto lavoro indotto ... ci sarà negli USA e in Canada. Contento lei, contenti tutti. Cordiali saluti. PS: forse lei vive in Canada ...

rokko

Gio, 05/07/2012 - 11:24

#34 ronofri53, i sindacati hanno sicuramente delle responsabilità, però non è che il debito pubblico è colpa dei sindacati, il deficit è colpa dei sindacati, lo spread è colpa dei sindacati, le aziende chiudono ed è colpa dei sindacati, ma per favore

killkoms

Gio, 05/07/2012 - 11:29

#93rokko,lo sà quanto costano al contribuente italico i distacchi sindacali?la scuola che voleva assumere 20.000 insegnati precari ne aveva molti di più distaccati per motivi sindacali!il pessimo lavoro fatto dai sindacati negli anni 60 e 70,la difesa ad oltranza anche di elementi indifendibili,oltre alla chiusura sulla partecipazione agli utili d'impresa a ai cda,sono le colpe verso il paese!

mariolino50

Gio, 05/07/2012 - 13:39

#90 killkoms Ma quale tracotanza fiom, non volevano il ricatto, tornare indietro 50 anni nelle condizioni di lavoro, magari rimettono i sorveglianti col nerbo di bue come ho visto in Cina, in Serbia deve stare attento, perchè quelli, come ha detto anche un altro, sono guerrieri veri, e se gli pesti troppi i piedi sono assai più cattivi degli italiani, a ritirare fuori l'AK47 ci mettono poco, ancora tengono i maroni, non come noi appecoronati.

killkoms

Gio, 05/07/2012 - 15:25

#95mariolino50,il ricatto?allora tutta l'europa è sotto ricatto se vogliamo conservare l'industria!in inghilterra,la marca più venduta è la ford,lo sa quante sono prodotte lì?zero! dal 2002 la ford UK fabbrica solo qualche componente!hanno chiuso tutto,financo la fabbrica di dogenham,quella di"we want a sex",per chi se lo ricorda!le ford"guida a destra" sono prodotte nell'europa orientale!ci è andata vicina anche la vauxhall,la"opel"isolana!la GM voleva chiudere l'impianto di ellesmore port,e portare la produzione dell'astra in polonia!lo sa come è stata sventata la cosa?non certo da qualche landini locale!con un democraticissimo referendum,le mastranze hanno accettato(adesioni al 94%)di aumentare la produttività del sito,con 51 settimane lavorative,con straordinario obbligatorio il sabato se richiesto!2100 posti di lavoro salvati,con la prospettiva di altre 700 assunzioni!marchionne ha colpito anche oltremanica?i serbi,dopo le bombe del 199/2000 si sono calmati,ed è un male per noi!