Fiat lancia un'automobile low cost "Ecco l'utilitaria contro la crisi"

Dopo l'accordo con la casa ceca Zastava il responsabile marketing del Lingotto: "Pronti a lanciare un'utilitaria low cost contro la crisi". Si parla già di anti-Logan. All'Alfa MiTo il premio Uiga "Auto Europa 2009"  

Bologna - Per dare una risposta alla crisi economica e al calo delle vendite automobilistiche, la Fiat sta pensando di lanciare anche sui mercati dell’Europa occidentale la nuova marca di auto low cost progettata per l’Europa centrale e orientale. Il lancio di "una vettura a basso costo potrebbe essere una soluzione per fronteggiare il declino del mercato in Italia e negli altri Paesi europei". Lo ha detto al Motor Show di Bologna il responsabile marketing del gruppo Fiat, Luca de Meo.

Partnership con Zastava Nel settembre scorso la Fiat ha annunciato di aver assunto il controllo della casa automobilistica serba Zastava in cui intende fabbricare un’auto low cost, con un marchio proprio, da lanciare sui mercati dell’Europa centrale entro il 2010. Molti hanno definito questo veicolo l’anti Logan, cioè un concorrente dell’auto a basso costo della Renault. Ora de Meo, le cui affermazioni, confermate dalla Fiat, sono state riportate sul sito web di Les Echos, lascia intendere che l’auto low cost Fiat potrebbe essere lanciata anche in Europa occidentale, come risposta al calo delle vendite automobilistiche all’arrivo della recessione.

Premio Uiga: Alfa MiTo "Auto Europa" 2009 Con l’attuale situazione di mercato è difficile fare previsioni precise per il 2009 ma per Alfa Romeo, con l’anno pieno della MiTo, l’arrivo della nuova 149 nell’ultimo trimestre e il rafforzamento della 159, ci potrebbero essere segnali positivi sui volumi rispetto al 2008. Lo ha lasciato intendere oggi al Motor Show di Bologna l’amministratore delegato di Alfa Romeo Automobiles, Luca De Meo, a margine della consegna da parte del presidente Uiga Pierluigi Bonora del premio «Auto Europa 2009» vinto dalla MiTo. «Ci attrezziamo con argomenti seri - ha spiegato De Meo - per affrontare il 2009 in maniera positiva». Nel 2008, in particolare, l’Alfa Romeo conta di commercializzare 115-120 mila vetture. Solo in Italia dovrebbero essere circa 52 mila. In particolare, Francesco Cimmino, direttore del mercato Italia di Alfa Romeo, ha sottolineato che il «2008 è stato un anno molto difficile per effetto della contrazione della domanda rispetto al 2007, e in quest’ultima parte dell’anno il calo è aumentato anche per le note vicende dell’economia globale». «È molto difficile per il 2009 fare una previsione sui volumi Alfa Romeo - ha precisato - ma siamo certi che ci confronteremo in termini di quota di mercato traguardando sicuramente livelli superiori a quest’anno e puntando a superare ampiamente il 3% entro la fine del 2009». Alfa Romeo ha confermato per il 2009, nell’anno pieno, la previsione di vendita di 60-70 mila MiTo. «Ad oggi - ha spiegato De Meo - abbiamo raccolto 20 mila ordini in tutto il mondo». «Entro la fine dell’anno pensiamo di immatricolare 8 mila esemplari in Italia» ha aggiunto Cimmino.