Fiat sprint in Europa: crescita record da gennaio

Renault Clio vince sul filo di lana la sfida mensile con Punto. Sarà sempre più battaglia tra le utilitarie

Pierluigi Bonora

da Milano

Fiat Auto un primato europeo è riuscita a conquistarlo: nei primi 5 mesi dell’anno è il gruppo automobilistico ad aver registrato la crescita maggiore (più 23,2%), portando la sua quota mercato dal 6,6 all’8%, in linea dunque con le aspettative dell’amministratore delegato Sergio Marchionne. Ma la ripresa dei marchi torinesi non incide solo sui conti del Lingotto: è l’intero contesto continentale a beneficiarne. «Tra i grandi mercati dell’Europa - rileva il Centro Studi Promotor - è proprio quello italiano a fare da locomotiva dello sviluppo». A maggio, infatti, le vendite di vetture sono tornate ad aumentare (più 9,6%), dopo la pesante battuta d’arresto di aprile (meno 7,3%). Complessivamente tra gennaio e maggio il mercato europeo ha chiuso in attivo (più 2,4%), con oltre 6,82 milioni di veicoli immatricolati.
Tra i mercati in cui il gruppo Fiat ha ottenuto i migliori risultati - ricorda una nota del Lingotto - sono da segnalare Germania (più 85,5%), Regno Unito (più 60,1%) e Irlanda (più 93,6). Positivo, in particolare, è il brand Fiat «cresciuto nel confronto tra maggio 2005 e maggio 2006 del 62,6 per cento. In proposito, Panda conferma la leadership tra le city-car. Testa a testa, invece, nel segmento delle utilitarie, dove per la differenza di circa un migliaio di esemplari Punto è la seconda vettura più venduta con una quota del 10,6% alle spalle della Renault Clio. Ieri Marchionne, in un incontro a Milano al quale hanno partecipato banchieri e industriali, ha nuovamente confermato gli obiettivi di Fiat Group per l’anno in corso, precisando che «la situazione si è stabilizzata sia dal punto di vista finanziario che industriale».
La fiducia nella completa ripresa del gruppo ha spinto recentemente l’ad a confidare, entro il prossimo anno, in un ulteriore taglio dell’indebitamento sotto i 2 miliardi. Anche la Borsa ha premiato la Fiat: ieri le azioni hanno preso il volo (più 4,93%), insieme a quelle di Ifil (più 6,98%) e Ifi (più 7,62%). Nelle concessionarie, intanto, cominciano ad arrivare i concorrenti diretti della Fiat Grande Punto. Oltre alla Peugeot 207, in vendita da poco, si avvicina il debutto della nuova Opel Corsa, modello realizzato sullo stessa piattaforma della best seller italiana. Aggiungendo a queste novità la Renault Clio e la rinnovata Ford Fiesta, annunciata all’inizio del 2007, la battaglia nel segmento «Punto» si propone senza esclusione di colpi.