Fiat torna sopra i 18 euro

Mentre resta sullo sfondo la paura per la crisi dei mutui subprime, Piazza Affari ritrova una dimensione più consona al periodo, con scambi ridotti a 5,2 miliardi di euro di controvalore e indici positivi (Mibtel +0,68% a 30.185 punti e lo S&P/Mib +0,51% a 38.909 punti), ma sotto ai massimi. Fiat, che venerdì era precipitata sotto i 18 euro, ha recuperato il 2% a 18,43 euro. Vivaci gli scambi, per 36,77 milioni di pezzi, pari al 3,3% del capitale. Attenzione focalizzata sui bancari: denaro su Unicredit (+1,21% a 6,18 euro), superato da Capitalia (+2,07% a 6,87 euro), in linea però con il rapporto di concambio stabilito. Cauta Intesa-Sanpaolo (+0,14% a 5,62 euro), con Mediobanca (+0,28% a 15,56 euro) a differenza di Generali (-0,78% a 29,15 euro). Positiva Italease (+0,7% a 13,5). Bene Telecom (+1,36% a 1,94 euro) con Tiscali (+1,33% a 2,06 euro), sulla scia degli altri titoli telefonici europei.