Fidel Castro avverte Obama: miracolo se non l'hanno ucciso

Il lìder màximo invita Obama a trattare "con estrema cautela" con l'Iran sul nucleare. Poi lo avverte: "E' un miracolo che non abbiano ancora tentato
di ucciderlo". Sulla sua salute: "Mi sono completamente rimesso"

L'Avana - "E' un miracolo che non lo abbiano ancora ucciso". Il consiglio per il presidente americano Barack Obama arriva, inaspettatament, dal lìder màximo. Fidel Castro dispensa consigli alla Casa Bianca invitandola a trattare con il presidente iraniano Ahmadinejad "con estrema cautela".

Il consiglio di Castro Castro ha nuovamente esortato il presidente cubano, Barack Obama, a non attaccare l’Iran, ma gli ha anche consigliato di agire "con estrema cautela" perché è "un miracolo che non abbiano ancora tentato di ucciderlo". Ne ha parlato in un’intervista concessa al canale venezuelano Telesur, registrata sabato, il giorno in cui si è presentato alla sessione straordinaria da lui richiesta del Parlamento cubano, in cui ha detto di essersi "completamente rimesso", ma ha anche messo in guardia il mondo che è "sull’orlo di una guerra nucleare". Il lìder màximo ha anche parlato delle tensioni nate nelle ultime settimane tra la Colombia e il Venezuela (dopo le accuse dell’ex presidente colombiano, Alvaro Uribe, a Caracas di collaborare e coprire l Farc). Secondo Castro non esiste "la benché minima possibilità" che la Colombia attacchi il Venezuela. Castro ha anche fatto riferimento alla recente clamorosa iniziativa di Wikileaks, che ha pubblicato oltre 92mila file segreti del Pentagono sulla guerra in Afghanistan: "A Wikileaks bisognerebbe fare una statua".