Fiera Genova Da Shanghai il format European City

Presentata ufficialmente, a Shanghai, «European City», piattaforma low cost per le pmi italiane ed europee che apre, di fatto, una nuova strada per il business fieristico. Grazie a un accordo stipulato nello scorso mese di luglio nel capoluogo ligure con European China Business Development, Fiera di Genova, supportata da Liguria International, coordinerà un «exhibiting pool» di cui fanno già parte ufficialmente Fondazione Campagna Amica per i prodotti agroalimentari della Regione Sardegna e l'associazione Toscana D'Amare per l'abbigliamento, le cui aziende associate inizieranno la loro attività b2b già a partire dal mese di gennaio. A breve formalizzeranno la loro adesione al pool anche Fiera del Levante, Camera di Commercio di Bari e Regione Toscana, mentre si stanno valutando altre candidature di rilievo per completare i sei settori espositivi programmati: oltre a food e abbigliamento, turismo, arredamento, design e gioielleria. Al di là della valenza commerciale, l'obiettivo di European City Shanghai è infatti di rappresentare il lifestyle italiano ed europeo anche sotto il profilo culturale con un format innovativo e dinamico.
«A poco più di un anno dal protocollo d'intesa - dice Sara Armella, presidente di Fiera di Genova - è stato svolto un intenso lavoro di progettazione e di cooperazione che ci ha portato a essere scelti da European City Shanghai come segreteria commerciale per l'individuazione delle aziende italiane ed europee».