Fiera Milano, ricavi stabili

Ricavi consolidati a 73,8 milioni di euro in linea con 74,8 milioni del primo trimestre 2014, utili in calo: ha pesato la mancanza della biennale Mostra Convegno Expocomfort. In aprile acquisita nuova commessa da Expo 2015 per 7,2 milioni di euro. Prevista la crescita della domanda di spazi espositivi

Fiera Milano chiude il primo trimestre 2015 con ricavi consolidati di 73,8 milioni di euro in linea con i 74,8 milioni del primo trimestre 2014, utili in calo rispetto allo scorso esercizio con il risultato prima delle imposte pari 1,4 milioni di euro rispetto a 3,9 milioni del primo trimestre 2014. Il mol è pari a 7,1 milioni di euro ed è in calo di 633mila euro, "anche per effetto del diverso calendario fieristico". Il debito al 31 marzo 2015 ammonta a 109,4 milioni di euro, in miglioramento rispetto al dato di 121,7 milioni di euro al 31 dicembre 2014.

Il cda di Fiera Milano spa, presieduto da Roberto Rettani, ha approvato il resoconto intermedio di gestione consolidato relativo al primo trimestre 2015, che registra un margine operativo lordo in lieve flessione rispetto al corrispondente trimestre del 2014, "principalmente a causa dell’assenza dell’importante manifestazione biennale Mostra Convegno Expocomfort. La presenza nel periodo in esame della biennale Made Expo e della semestrale Lineapelle, il debutto delle mostre Simac Tanning-Tech e My Plant & Garden e il buon andamento dell’attività congressuale hanno bilanciato ma non del tutto compensato l’effetto dell’assenza di Mostra Convegno Expocomfort".

Nell'ambito di Expo 2015, le controllate Nolostand e Fiera Milano Congressi si sono aggiudicate, nel corso del trimestre, commesse per circa 7,5 milini, relative all'allestimento e alla gestione delle attività del Centro Congressi e dell'Auditorium dell'Esposizione Universale. Nel trimestre si sono svolte nei due quartieri fieristici di fieramilano e fieramilanocity 19 manifestazioni e 9 eventi congressuali con annessa area espositiva, per un totale di 428.140 metri quadrati netti espositivi, contro 434.960 dell'analogo periodo del 2014. Il numero degli espositori è passato da 8.365 nel primo trimestre 2014 a 9.595 nel primo trimestre 2015.

Fiera Milano prevede che la domanda di spazi espositivi cresca nell'esercizio in corso. Per questo, in un contesto economico "che mostra segnali di debole ripresa", le previsioni per l'esercizio 2015 evidenziano in particolare una crescita del fatturato consolidato a oltre 330 milioni di euro con un mol del 10%, un ritorno all'utile e un andamento del fabbisogno finanziario in coerenza con le previsioni di crescita del fatturato e degli investimenti. I risultati della capogruppo relativi al primo trimestre del 2015 "sono in linea con le attese e consentono di confermare l'obiettivo del rientro nella soglia di un terzo, prevista dall'art. 2446 del codice civile, per la fine dell'esercizio, pur evidenziando che il manifestarsi di eventi o situazioni allo stato non prevedibili potrebbero condizionare il pieno raggiungimento dello stesso".