Fiera Milano e Banco Alimentare: un panino per aiutare i bimbi poveri

Per ogni "Panino del Banco" acquistato durante le manifestazioni sarà devoluto un euro. L'iniziativa di solidarietà parte dal 15 settembre, giorno di apertura di HoMi e sarà riproposta per tutta la stagione fieristica nel polo espositivo di Rho e a fieramilanocity

Fiera Milano scende in campo con un’iniziativa di solidarietà devolvendo al Banco Alimentare della Lombardia un euro per ogni panino al salame Milano venduto nei punti ristoro durante i giorni di manifestazione. L’iniziativa parte il 15 settembre, giornata inaugurale di HoMi, il Salone degli Stili di Vita, e proseguirà per l’intera stagione fieristica.

Acquistando Il Panino del Banco in fiera, si contribuisce automaticamente al circolo virtuoso della donazione: un euro è il costo che il Banco Alimentare della Lombardia sostiene per il recupero e la distribuzione di quattordici pasti equivalenti a 500 grammi di alimenti ciascuno, che saranno destinati ai bambini di Milano in povertà alimentare. Un panino al salame “buono” in tutti i sensi, che si potrà gustare nei ristoranti e bar del centro espositivo di Fiera Milano (Rho) lungo Corso Italia e del quartiere cittadino di fieramilanocity (padiglioni 3 e 4), segnalati da un’apposita vetrofania che indicherà l’adesione all’iniziativa.

“Siamo orgogliosi di partecipare attivamente a questo progetto, coinvolgendo i ristoratori presenti nei nostri quartieri fieristici - afferma Fabrizio Curci, amministratore delegato di Fiera Milano -. Oggi la lotta agli sprechi e alla povertà rappresenta un obbligo morale per tutti noi. Fiera Milano, assieme a Banco Alimentare, un punto di riferimento nella lotta contro lo spreco alimentare, si impegnerà al massimo per offrire un contributo concreto alla cultura del sostegno a chi si trova in difficoltà”.

“Siamo particolarmente grati a Fiera Milano per averci dato la possibilità di realizzare questa interessante iniziativa - sottolinea Marco Magnelli, direttore di Banco Alimentare Lombardia - dimostrando grande sensibilità per chi è meno fortunato: grazie a questa collaborazione infatti sarà possibile offrire un aiuto concreto alle persone bisognose nella nostra regione. E’ bello vedere come una importante realtà come Fiera Milano abbia a cuore il gravoso problema della povertà alimentare e che si impegni concretamente nell’aiuto a chi è meno fortunato”.

In un mondo di grandi contraddizioni, alla povertà alimentare si contrappone molto spesso il problema degli sprechi di cibo: si tratta di un fenomeno che ha dimensioni enormi e rappresenta una battaglia che il Banco Alimentare, attraverso la propria rete costituita da 21 Banchi regionali e coordinata da Fondazione Banco Alimentare, porta avanti da anni. In Italia, infatti, ogni anno si gettano nella spazzatura 5,6 milioni di tonnellate di cibo per un valore di circa 12 miliardi di euro. In Italia la rete Banco Alimentare recupera le eccedenze dalle aziende agroalimentari, dalla grande distribuzione e dalla ristorazione organizzata per distribuirle gratuitamente alle strutture caritative partner che assistono persone in stato di necessità. Nel 2016 Banco Alimentare della Lombardia ha recuperato e distribuito attraverso le strutture caritative del territorio oltre 15.000 tonnellate di alimenti aiutando 208.882 persone in povertà di cui circa 65.000 minori (13.000 nella città di Milano).

Per seguire e contribuire alle attività del Banco Alimentare in Lombardia: www.bancoalimentare.it/it/lombardia