«La Fiera? Sarà la molla per l’economia del Paese»

Formigoni saluta i nuovi membri del consiglio generale. Roth confermato alla presidenza

Marcello Chirico

Con una cerimonia quasi solenne (lettrice con leggio, discorsi pronunciati tutti in piedi al microfono con l’asta, conferimento di cadeaux ai consiglieri entranti e uscenti), si è svolto ieri mattina al Pirellone l’insediamento ufficiale del nuovo consiglio generale di Fondazione Fiera Milano, che resterà in carica fino all’approvazione del bilancio di esercizio 2008-2009.
Riconfermato alla presidenza Luigi Roth, come già annunciato il 17 maggio scorso dal governatore Roberto Formigoni, ieri con vezzosa pochette tricolore nel taschino della giacca in omaggio agli azzurri neo campioni del mondo. «Un successo più che meritato e per il quale ho sofferto molto», ha commentato il governatore/patriota, lasciatosi poi andare ad un po’ d’ironia: «L’abbiamo ottenuto con giocatori di serie B e C, pensate cosa sarebbe successo se avessimo schierato quelli di Serie A». Da tifoso milanista si è infine augurato «una sentenza equilibrata e non giacobina».
Ripreso l’aplomb istituzionale, Formigoni ha salutato e premiato (con un portachiavi dorato) tutti i nuovi membri del consiglio generale della Fiera, compresi i tre componenti indicati dalla giunta lombarda. Ovvero: Giampaolo Landi (An), Roberto Vallini (Fi) e Marco Reguzzoni (Lega). Compongono il nuovo consiglio anche Marco Acconero, Vittorio Bellotti, Gianni Beghetto, Emilio Bianchi, Pierenrica Conti Olivetti, Adalberto Corsi, Paolo Galassi, Andrea Vento, Antonio Zoncada e il revisore dei conti Silvio Laganà.
«Questo consiglio - ha detto Formigoni - farà sì che la Fiera possa essere sempre di più ciò che già è: la molla progettuale ed economica dell’intero Paese. Dopo aver dotato la Lombardia di un polo fieristico all’avanguardia in Europa e nel mondo, abbiamo voluto ampliare l’ambito di intervento della Fondazione, per esempio nel campo sanitario col suo ingresso nella Fondazione Policlinico Irccs con un apporto di know-how e di capitali. Ma d’ora in poi svolgerà sempre più un ruolo attivo nell’ambito fieristico». Roth, evidenziando come «le opere che abbiamo realizzato sono sotto gli occhi di tutti», ha scelto uno slogan per illustrare al consiglio le linee guida del prossimo: «Vorremmo continuare a fare crescere il territorio con la Fiera e la Fiera con il territorio».