Fiera a Ucina: «Gli accordi sul Nautico li avete firmati voi»

La mannaia minacciata sul Nautico resta in bilico per tutto il pomeriggio di ieri. La risposta della Fiera, sollecitata dalla pagina di sfogo commissionata ai giornali dall’Ucina, associazione degli industriali nautici, arriva dopo ore. Quelle necessarie, è evidente, a mettere nero su bianco una risposta puntuale, dettagliata. Che non ammetta equivoci. In gioco c’è la posta più grande: quella di un prodotto, il Salone Nautico, che è l’essenza stessa di Genova. «È tutto nel contratto rinnovato nel 2007 con soddisfazione di ambo le parti», reagisce la Fiera di Genova alla lettera fatta pubblicare ieri a tutta pagina sui quotidiani dai vertici di Ucina. E continua: «I rapporti di collaborazione tra Fiera di Genova Spa e Ucina sono regolati da un contratto che è stato novato con piena soddisfazione di entrambe le parti nell’aprile 2007. Il contratto individua chiaramente i ruoli, i limiti e le competenze delle parti nell’organizzazione del Salone Nautico Internazionale, evento il cui marchio è proprietà di Fiera di Genova Spa sulla quale grava il relativo rischio d’impresa». (...)