Al via «Fiesta!», tra canzoni e cucina latino-americana

Domani riapre i battenti l’isola dei sogni di tutti i cultori della musica latino americana. «Fiesta!», il festival di Capannelle arrivato alla dodicesima edizione, propone come sempre un ricco calendario di concerti, ma con qualche novità. Nel villaggio, allestito per evocare i sapori della cultura sudamericana e caraibica attraverso stand di artigianato, eventi enogastronomici, si terrà un concorso amatoriale di danza. «La fiebre del Sabado por la Noche» è aperto a tutte le coppie di ballerini che vogliono misurare le proprie capacità e mettersi alla prova con i ritmi «calienti» della salsa, la bachata, il merengue e il reggaeton (l’iscrizione è obbligatoria, entro il 15 luglio).
Evento di punta di «Fiesta!» sarà la «Noche del Fuego Latino» (26 luglio), un grande concerto che vedrà salire sul palco tre veri e propri miti della salsa per un’indimenticabile jam session: i Los Van Van (ambasciatori del sound cubano in tutto il mondo), il portoricano Josè Alberto e Oscar D’Leon. Sul palco delle Capannelle ci saranno anche grandi ritorni: il 22 giugno sarà la volta di Tito Nieves, torneranno i ritmi brasiliani di Daniela Mercury (26 giugno), mentre domenica 2 luglio si esibirà la star del pop «brasilero» Ivete Sangalo.
Tra gli altri, sono attesi Bamboleo, Grupo Niche, Issac Delgado, Charanga Habanera, Willie Colon e la star del reggaeton Don Omar. E per i ritardatari («causa mondiali di calcio» per esempio), c’è un’altra novità: potete iniziare a gustarvi i concerti in auto sintonizzandovi sulla stazione radiofonica Radio Mambo che seguirà la kermesse con dirette e interviste ai protagonisti.
Oltre alla musica, si potrà anche gustare la cucina etnica latino-americana: ogni settimana troverete i piatti tradizionali e fantasiosi da diversi paesi (Argentina, Bolivia, Guatemala, Cile, Brasile e molti altri). Anche quest’anno a benedire «Fiesta!» sarà il suo padrino d’eccezione ed affezionato frequentatore Renzo Arbore, che ha scritto una canzone-sigla appositamente per la manifestazione dal titolo «Terun Terun». I prezzi dei concerti variano dagli 8 ai 20 euro, compreso l’accesso al villaggio.