Il Figaro di Harnoncourt all’insegna della noia

Per il regista di Nozze di Figaro al Festival di Salisburgo 2007, Claus Guth, lo spettatore era probabilmente un imbecille, a cui non si doveva far respirare la storia né i luoghi dell'azione, ma spiegare con personaggi simbolici aggiunti il significato dell'azione, oh, yaaa! Liberata da questo mediocre disturbo, ascoltata in un accuratissimo cd, l'interpretazione rimane una pesante lezione prolissa e ingombrante. Pause che fan venire nostalgia di quelle intelligenti di Celentano, sottolineature che avrebbero infuriato anche un autore meno geniale di Mozart, noia. Ildebrando d'Arcangelo dà grande voce a Figaro, Anna Netrebko canta le note di Susanna con bel suono e monotonia snervante, gli altri (Skovhus, Röschmann, Schaefer) sono diligenti. Purtroppo il direttore è Nikolaus Harnoncourt.

Le nozze di Figaro, Salzburg 2007 - Deut. Gram