Figlio down veglia per giorni la madre morta

La donna, Biagina Maria Sala - che aveva 78 anni ed era da tempo malata - è stata trovata morta nel suo letto in un appartamento di una palazzina in via Catalani a due passi dalla clinica Città Studi. I militari, verso le 10, hanno trovato a fianco a lei il figlio Carlo di 50 anni, affetto da sindrome di down, che in stato di choc non faceva che ripetere di non credere che la mamma fosse morta. Pensava invece che dormisse. La tragica scoperta è stata fatta con un certo ritardo perché i familiari continuavano a chiamare a casa e rispondeva il figlio senza però passare loro la madre. Anche i vicini di casa non pensavano fosse successo nulla perché sentivano qualcuno muoversi in casa. Così hanno dato l’allarme solo ieri mattina, quando hanno capito che in quella casa stava succedendo qualcosa di anomalo. I parenti sul posto hanno spiegato che «da anni Carlo viveva per la mamma e lei per lui» e che «si aiutavano l’un l’altro». Anche i vicini hanno descritto madre e figlio come due persone che si volevano molto bene e particolarmente unite.
Nel settembre dello scorso anno Lara, una donna di 39 anni con problemi psichici, per oltre un mese aveva vegliato la madre 69enne morta. Era accaduto in zona Ticinese. Il cadavere era stato poi scoperto proprio per l’intervento della figlia che, appunto un mese dopo il decesso, si era recata in commissariato a denunciare la morte della madre e poi era scappata. Il suo strano comportamento aveva incuriosito la polizia che si era recata a casa delle due donne. Dopo la scoperta del cadavere Lara venne portata all'ospedale per un trattamento sanitario obbligatorio d'urgenza (Tso).