Figueroa in campo a ottobre

Luca Russo

Non si può misurare e così il dubbio resta. È certamente difficile confrontare e pesare la voglia di vedere in campo Lucho Figueroa da parte dei tifosi con quella dello stesso giocatore determinato ad assaporare il gusto delle partite che contano dopo il brutto infortunio al ginocchio che gli è costato i mondiali. Certo la punta argentina, voluta fortissimamente da Enrico Preziosi, vuole contraccambiare tutta l'attesa che anche ieri nella prima vera uscita rossoblù si è manifestata ad Acqui Terme. Il delantero, arrivato in Italia giovedì, deve seguire un programma individualizzato per completare la riabilitazione e potenziare il tono muscolare, dopo aver riacquistato la funzionalità articolare. «Ieri ero distrutto per il lungo viaggio. Mi sono fatto una bella dormita e ora mi sento riposato» ha detto sorridendo prima di salire sul pullman che lo ha portato al centro di Mombarone.
Per vederlo in campo bisognerà attendere fino ad ottobre, ma Gasperini sembra non fargli fretta visto e considerato che là davanti c'è quel Giuseppe Greco che è diventato a sorpresa il bomber di questa estate rossoblù. E poi non bisogna dimenticarsi gli ultimi arrivi di Zeytulaiev e Sculli pronti a garantire ulteriore spinta e a dare il proprio contributo già a partire dalla partita di Coppa Italia di domani con il Modena al Ferraris (ore 20.45). Per l'incontro, che sarà diretto da Ayroldi di Molfetta, resta da comprendere chi sarà il sostituto di Rossi squalificato. Se ne saprà di più oggi nei due allenamenti sempre in programma ad Acqui. Sempre per la partita di domani da segnalare la bella iniziativa dell'Associazione Club Genoani in collaborazione con l'Associazione Music for Peace a sostegno del progetto Solidar Bus. Dalle ore 17.30 sarà allestito un centro di raccolta presso la Gradinata Nord, dove si potranno depositare generi alimentari tipo riso, legumi secchi, zucchero, sale e farina per la prossima missione umanitaria dell'associazione Music for Peace in Sudan. Mercato. Sono sei le piste seguite per rinforzare il reparto difensivo. Una è italiana è porta a Legrottaglie anche se nelle ultime ore tutto sembra essersi fatto più difficile per l'irrigidimento della Juventus. Le altre sono invece estere ed è una vola addirittura oltremanica all'Arsenal.