Figuraccia europea La Sampdoria a Liegi ha la testa al Genoa

Troppo brutta per essere vera. Se Walter Mazzarri voleva dimostrare che le seconde linee non sono all'altezza, ieri sera contro lo Standard c'è riuscito perfettamente. Tre gol hanno piegato la Samp nel primo tempo (De Camargo, Onyewu e Jovanovic i marcatori) senza diritto di replica. Così alla fine, pensando forse troppo al derby e snobbando la Uefa, i blucerchiati hanno rimediato soprattutto una brutta figura: difesa colabrodo, centrocampo senza verve, attacco inesistente. Ora la formazione di Mazzarri è obbligata a battere il Siviglia che ieri sera ha vinto contro il Partizan. In questo caso andrebbe a quota 7 e passerebbe il turno. Si dice che nel calcio contino le motivazione e c'è da sperare che la Sampdoria possa ritrovarle prima di domenica.
Castellazzi: voto 6. Di stima perché poco ha potuto sui gol subiti dalla Samp, visto che gli attaccanti dello Standard arrivavano da tutte le parti.
Campagnaro voto 5: torna dopo la prova con il Cagliari e domenica giocherà anche il derby. Sulla destra sbaglia un po' meno degli altri ma non è esente da colpe (10' st Gastaldello voto 6: si è riscaldato in vista del derby).
Lucchini voto 4,5: non è in un gran momento e si vede quando lascia De Camargo libero di colpire dopo appena due minuti, poi si lascia sorprendere con una facilità disarmante.
Bottinelli voto 4,5: Sembra rimasto in Argentina, dove era emigrato per trovare la fidanzata. Colpevole sul gol di De Camargo per il vantaggio dello Standard, anche sugli altri non si copre di gloria.
Stankevicius voto 4,5: Prima salva in extremis su Jovanovic, poi si fa anticipare da Onyewu che insacca senza troppi problemi per il raddoppio dello Standard. Facilitato dal fisico trova però troppe difficoltà sia in difesa sia nelle ripartente in velocità (21' st. Pieri voto sv)
Delvecchio voto 5: lotta ma non basta, serata no per tutti.
Franceschini voto 4,5: torna nel ruolo di regista e la lenta manovra a centrocampo ferma il gioco. Inconsistente e poco lucido in fase di impostazione.
Dessena voto 5: fa poco ma almeno lotta. Non è molto ma ieri era necessario accontentarsi.
Ziegler voto 4,5: Il solito, fumoso e poco concreto anche se parte meglio rispetto alla gara con il Cagliari. Poi si perde, un'altra bocciatura.
Bonazzoli voto 4,5: Prova di testa dopo appena otto minuti. Unico guizzo del match.
Fornaroli voto 4,5: Mazzarri gli da fiducia dal primo minuto. Leggero contro i giganti dello Standard, un pulcino bagnato poco aiutato dalla prestazione generale (10' st. Cassano voto 6: entra e si beve la difesa dello Standard ma è decisamente tardi per ribaltare una situazione disperata).
Mazzarri voto 5: meriterebbe un 4 per la formazione mandata in campo, potrebbe arrivare al 7 in caso di vittoria nel derby. Non tutto però è matematico, visto che la squadra è stata risparmiata per la stracittadina. Inserisce Cassano al nella ripresa e a questo punto poteva preservare anche lui.