Filippine, mille morti dopo il tifone Fengshen

Il bilancio parla di 598 tra vittime e dispersi soltanto sulla terraferma. La tragedia più grave è quella del traghetto affondato con 850 persone a bordo: <strong><a href="/video.pic1?ID=filippine_tragedia">guarda il video</a></strong>

Manila - La scia di morte del tifone Fengshen. Almeno 598 persone sono morte o risultano disperse a causa del passaggio del ciclone nelle Filippine. Lo hanno indicato oggi la protezione civile e la Croce Rossa. Ma nel bilancio non si tiene conto del naufragio del traghetto della Sulpicio Lines che trasportava più di 850 persone. Le inondazioni e gli smottamenti del terreno hanno causato 224 morti e 374 dispersi, essenzialmente nel centro del paese. Nella provincia di Iloilo una delle zone più toccate ieri dal ciclone, 101 persone sono morte, ha precisato il presidente della Croce Rossa delle Filippine, Richard Gordon. Nello stesso tempo, più di 200 persone risultano disperse nell’isola di Negros, dove 63mila persone evacuate dalle loro abitazioni sono tuttora in cerca di un riparo dalle forti inondazioni.

Il traghetto affondato La tragedia più grave al largo dell’isola di Sibuyan. Circa 800 persone potrebbero aver perso la vita nel naufragio, affondato in mezzo alle onde gigantesche sollevate dal tifone Fengshen che sta spazzando l’arcipelago. In nottata (lunedi mattina nelle Filippine) la radio locale Dzbb ha dato notizia del ritrovamento di 28 naufraghi vivi. Si tratta di un gruppo composto in gran parte da uomini - fra essi nove membri dell’equipaggio - giunti a bordo di un canotto di salvataggio presso la località di Mulanay, nella penisola di Bondoc, oltre 24 ore dopo l’affondamento della nave. Il traghetto, il Princess of Stars, con a bordo 724 passeggeri e 121 membri d’equipaggio, secondo dati forniti dall’armatore, è affondato ieri mattina (la notte fra sabato e domenica in Italia) a pochi chilometri al largo di Sibuyan (Filippine centrali). Era in navigazione fra Cebu e Manila. Sembra che si sia rovesciato per la forza delle onde, dopo essere andato alla deriva a causa di una avaria al motore. I naufraghi hanno avuto pochi minuti per abbandonare la nave ed è stato molto difficile, a causa della tempesta, portare loro soccorso.