Filippini e Mencarelli: ecco il futuro del jazz

Diciamola tutta subito: il primo cd in duo del pianista Claudio Filippini e del contrabbassista Daniele Mencarelli è uno dei migliori apparsi da almeno dieci anni sulla scena del jazz italiano. I protagonisti sono entrambi molto giovani (24 e 31 anni). Il primo è abruzzese, il secondo perugino. Tutt’e due sono brillantemente diplomati in conservatorio e si sente, eccome. Si sono conosciuti per merito di Francesco Ciarfuglia, titolare della Giottomusic, che non è un discografico come un altro: è un acuto intenditore di musica, e incide e mixa in prima persona i suoi dischi con grande competenza e orecchio finissimo. Quando ha conosciuto Filippini e Mencarelli, ha capito subito quanto fortunato fosse quell’incontro. Il duo è stato presentato in concerto alla recente Umbria Jazz Winter di Orvieto con risultato straordinario, esaltato dalla sorpresa. «Sono ricchi di tecnica, di espressività, sono capaci di comporre temi assai belli che denotano una progettualità autonoma - è stato scritto - e Claudio suona già come Claudio, Daniele come Daniele, e basta». I nove brani del cd sono firmati in maggioranza da loro stessi.

Filippini e Mencarelli Us, Giottomusic.