Filtro antiparticolato, firmato il decreto per i mezzi commerciali

Il decreto sull’omologazione del filtro antiparticolato per i mezzi pesanti è arrivato. Ora aspetta di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. E il Comune di Milano, che lo aveva a lungo sollecitato, festeggia. «Contiamo su questo provvedimento per promuovere l’installazione dei Fap che danno un contributo importate alla riduzione del Pm10 - commenta l’assessore comunale alla Mobilità Edoardo Croci -. Ora speriamo che arrivino anche norme per consentire il montaggio dei filtri sulle autovetture diesel Euro 4», che dovrebbero pagare 5 euro di Ecopass al giorno per entrare nella Cerchia dei Bastioni.
Applaude anche Legambiente, che ora chiede alla politica di obbligare camion e furgoni pre Euro a dotarsi di Fap. Una tecnologia che, spiega Bruno Tronchetti Provera, presidente di Pirelli ambiente eco tecnology, «è attualmente impiegata da diversi milioni di veicoli a motore diesel ed è utilizzabile con combustibili a basso tenore di zolfo». Conclude Croci: «Il 60 per cento dei mezzi Atm ha già il filtro, entro fine anno raggiungeremo quota 82 per cento».