Finale latinoamericano Stilisti da Medellin per la sfilata colombiana

Saranno tre stilisti colombiani a chiudere le passerelle di «Milano Moda Donna», sabato a mezzogiorno. Amelia Toro, Beatriz Camacho ed Hernan Zajar presenteranno diversi modi di interpretare il latinoamericano. I tre stilisti hanno partecipato a Colombiamoda - uno dei più importanti appuntamenti del settore in Sud America, che si svolge a Medellin, dove sono stati rappresentati il Comune di Milano e la Camera nazionale della Moda italiana. L’intento delle autorità colombiane e degli organizzatori di Colombiamoda è di creare a Milano forme di collaborazione che possano trasmettere l’esperienza, lo stile e la qualità italiani, proponendo in cambio i colori del Caribe e un’interpretazione «evoluta» del rapporto con la natura e del gusto etnico.
Medellin è la capitale industriale, la Milano colombiana. La sua notorietà è tristemente legata al narcotraffico: un’immagine che le è rimasta impressa nonostante la svolta positiva data al Paese. Oggi Medellin è pacifica, serena, «rinata» attorno alla metropolitana costruita cinque anni fa, che con le comunicazioni ha offerto opportunità anche ai quartieri periferici. L’industria tessile colombiana rappresenta il 14 per cento del prodotto lordo, è moderna e capace: tuttavia i suoi due primati - biancheria femminile e abbigliamento sportivo - sono ottenuti con produzioni svolte per multinazionali straniere, soprattutto Usa.
Un’industria terzista che oggi si trova in pericolo poiché la concorrenza cinese rischia di attirare, dirottandoli, gli ordini che giungono in Colombia. Una delle vie da intraprendere per conquistare l’autonomia è investire sul valore aggiunto, sulla creatività e sulla fantasia degli stilisti: per questo Amelia Toro, Beatriz Camacho e Hernan Zajar sfileranno a Milano, cercando di ritagliarsi uno spazio, per sé e per il proprio Paese.