FINALMENTE IN CAMPO

La partita, crocevia fondamentale per la promozione in B, che nessuna città italiana voleva ospitare e che Genoa e Spezia desideravano fosse disputata al Picco, finalmente si gioca. Appuntamento alle 15 proprio nella sua sede naturale e pazienza se non proprio con tutti i crismi di sicurezza. Infatti le autorità spezzine, sorpassando l’osservatorio del ministero che voleva spostarla in uno stadio più capiente, pur di avere la partita in casa ed evitare figuracce a tre giorni dalle elezioni hanno blindato tutto il Golfo dei Poeti. Insomma una La Spezia in stato d’assedio tipo G8 genovese per novemila spettatori, circa 1600 saranno i sostenitori rossoblù, nel vecchio Picco, impianto non in linea con le ambizioni della società aquilotta. Per questo è importante l’appello alla calma di ieri del presidente spezzino Ruggieri e quello di oggi di Angelo Fabiani dg rossoblù: «Ai nostri sostenitori dico di stare tranquilli, di evitare di perdere il proprio controllo e di dimostrare ancora una volta ce ne fosse bisogno di essere una tifoseria civile. Un errore, magari di un infiltrato potrebbe danneggiare la stessa nostra società per responsabilità oggettiva. E questo vale anche per lo Spezia. Che vinca davvero lo sport». La partita è visibile su Sky Sport 1 e su canale Calcio 1.