Finanziaria alla Camera: garantito il turn over a polizia e vigili del fuoco

Finanziaria all'esame in commissione Bilancio alla
Camera: al vaglio oltre 2.400 emendamenti presentati. Tra le proposte misure sul Welfare e i tagli dei costi della
politica. Rimborso Iva sulla tariffa rifiuti

Roma - Entra nel vivo l'esame della Finanziaria in commissione Bilancio alla Camera: oltre 2.400 emendamenti presentati al testo (più 80 al ddl di Bilancio) al vaglio delle ammissibilità e dai prossimi giorni inizieranno le votazioni. Garantito il turn over a polizia e vigili del fuoco per il triennio 2010-2012: potranno essere fatte assunzioni a tempo indeterminato per una spesa e un numero di unità pari a quelle cessate nell’anno precedente. Per la misura vengono stanziati 530 milioni.

Le proposte al vaglio Tra le proposte di modifica c'è anche il pacchetto di emendamenti del governo che vanno dalle misure sul Welfare ai tagli dei costi della politica attraverso la riduzione del numero dei consiglieri e degli assessori comunali e provinciali (con un tetto "modulato" in base al numero degli abitanti) ed una stretta sugli stipendi di quelli regionali (che non potranno superare quelli dei parlamentari). Un tema, quest'ultimo, che anticipa la Carta delle Autonomie, approvata in uno degli scorsi consigli dei ministri, e che per l'opposizione riguarda misure ordinamentali e dunque non dovrebbe trovare posto nella manovra economia.

Il gettito dello scudo fiscale Le misure presentate dal governo pesano per 8 miliardi di cui circa la metà verrà dal gettito dello scudo fiscale (misura sulla quale restano indiscrezioni di una possibile proroga, che potrebbe arrivare con un emendamento), e il resto da una rimodulazione di voci di bilancio già stanziate. In settimana potrebbe arrivare anche una riscrittura dell'emendamento sul patto sulla salute sul quale il governo sta cercando un accordo con le regioni.

Ammortizzatori, sicurezza e ricerca Accanto al pacchetto del governo tra gli emendamenti c'è quello dei tredici messi a punto dal Pdl a prima firma del capogruppo in commissione Bilancio Gioacchino Alfano con risorse per ammortizzatori, sicurezza (100 milioni) e ricerca e università (600 milioni). Tra le proposte di modifica della maggioranza ce n'é anche una in favore dei contribuenti a prima firma dell'assessore al Bilancio del comune di Roma Maurizio Leo: un rimborso sotto forma di detrazioni Irpef già dalla prossima dichiarazione dei redditi, per le famiglie che abbiano pagato l'Iva sulla tariffa sui rifiuti, una tassa che, secondo una sentenza della Consulta del luglio scorso, non poteva essere richiesta dai comuni. Il Tesoro sarebbe al lavoro per capire come finanziare la misura, piuttosto onerosa.

Il "pacchetto Baldassarri" Sempre dalla maggioranza arriva un pacchetto di proposte di modifica a prima firma di Marcello De Angelis che ripropongono il "pacchetto Baldassarri" del Senato. In particolare i firmatari sperano di spuntarla su una prima tranche di sperimentazione della cedolare secca sugli affitti. Una questione sulla quale anche la Lega ha fatto proposte di modifica. Ma nella Finanziaria, attacca il leader del Pier Luigi Bersani "manca l'essenziale".