«In Finanziaria nessun beneficio per Milano»

Tutto secondo copione. La temuta «vendetta» contro le roccheforti della Cdl è arrivata puntuale. I sindaci dei Comuni rossi o dell’Ulivo, Cofferati per Bologna, Chiamparino per Torino, Veltroni per Roma, Domenici per Firenze e Iervolino per Napoli sono usciti soddisfatti ieri dall’incontro tra Governo ed enti locali. L’obiettivo era contenere i danni della Finanziaria. Milano invece, «non ha avuto alcun beneficio rispetto a tanti altri Comuni», ha commentato Letizia Moratti, riconoscendo comunque che «sono stati fatti passi in avanti». Roma, ha puntualizzato la Moratti, «da questa manovra ha avuto 610 milioni di euro di incrementi. Milano invece deve fare i conti con decrementi di duecento milioni. Ma riconsidereremo la necessità o meno di un aumento delle aliquote Irpef». Per il sindaco rimangono aperti i nodi su «sicurezza e infrastrutture». Allarme anche da Assolombarda per l’industria farmaceutica.