Fincantieri: Fiom contro la vigilanza

(...) qualche giorno fa, un caporeparto ha sporto una denuncia contro ignoti per aver trovato le gomme della propria auto parcheggiata fuori dallo stabilimento tagliate. I militari hanno raccolto la sua testimonianza e ritenendo che l’episodio potrebbe essere legato a dissapori sul luogo di lavoro, ieri mattina si sono presentati a Sestri notificando a tre operai un avviso di convocazione in caserma. Alla sera due si sono presentati chiarendo con gli inquirenti le proprie posizioni non così - e non si conosce il motivo -, avrebbe fatto il terzo. Ma c’è dell’altro, in particolare i dipendenti criticano la decisione dell’azienda di effettuare controlli a campione su quanti escono per verificare che non siano commessi eventuali abusi. In particolare si temono furti di rame e in un caso - proprio durante un controllo a campione - un dipendente è stato trovato con un rotolo di rame sulla propria auto.
A seguito della giornata di ieri la Fiom Cgil ha diffuso un comunicato stampa in cui si spiega che «i lavoratori hanno deciso di effettuare la protesta per rispondere al clima intimidatorio che quotidianamente subiscono all’entrata e all’uscita del turno di lavoro, a causa delle sempre più invasive perquisizioni alle quali sono sottoposti e nelle quali sono particolarmente coinvolti i lavoratori delle ditte d’appalto». Le tensioni sono particolamente gravi in un momento come l’attuale in cui si discute di piano industriale e di privatizzazione.