Alla fine ecco l’utile e il dilettevole

La vittoria della Spagna, su cui avevamo giocato 6 euro a 2,30 (con 4 a copertura sul pareggio) ci ha dato un utile di 3,80 euro che aggiunto a quello parziale di 6,89 e sottratti i 10 che avevano sui cannonieri significa per il nostro scommettitore iperprudente chiudere l'Europeo a più 0,69, partendo da un capitale investito di 20. Un utile netto del 3,45%, come un Bot annuale ma con la non trascurabile differenza di essere stato realizzato in tre settimane. Il vero insegnamento si ha però osservando le scommesse sulle singole partite: partendo da 10 euro (poi reinvestiti ogni giorno) in 19 giocate, abbiamo realizzato un utile di 10,49, quindi un più 104,9% che fa impressione. Oltretutto avendo sbagliato dal punto di vista sportivo almeno un terzo dei pronostici (e avevamo sempre giocato sui favoriti!): roba da cambiare lavoro. Conclusioni: evitare le giocate multiple, quelle con troppe possibilità (cannonieri, risultato, eccetera), accettare onorevoli sconfitte su quelle antepost invece di andare su ricoperture mostruose. La base di tutto è però che ci siamo divertiti.
olivari@settimanasportiva.it