Alla fine l’Inter perde. Ma vince Maniche

Una brutta notizia e una bella per l’Inter: perde la Dubai Cup battuta 2-1 dal’Internacional di Porto Alegre, una sconfitta che non si registrava dal 19 settembre in Champions, 0-1 a Istanbul col Fenerbahce ma, da Madrid, arriva dall’Atletico il prestito di Maniche. Il 30enne portoghese, sponsorizzato dal connazionale Figo, va a colmare gli infortuni a centrocampo di Vieira e Dacourt (stagione finita), ai quali si è aggiunto in difesa anche quello di Samuel che ieri è stato operato al legamento crociato del ginocchio sinistro e ne avrà per almeno 6 mesi. Lele Oriali ha trovato l’accordo con gli spagnoli che volevano 5/6 milioni, mentre i nerazzurri propendevano per il prestito. Oggi a Milano, summit tra Mancini e il ds Marco Branca e dovrebbe arrivare l’ufficialità per Maniche, atteso in settimana a Milano. Battuta d’arresto invece in Dubai. Una sfida che a Mancini è servita per rodare tutta la rosa e constatare anche i miglioramenti degli infortunati di lungo corso come Figo e Stankovic. La sconfitta non lascia il segno perché in campo sono andati i giocatori non impegnati con gli olandesi. In gran spolvero Jimenez, autore del momentaneo pareggio interista; bene per un tempo Ibrahimovic, mentre ancora lontano dalla condizione è apparso Crespo.