Un fine settimana a tutto pesce: fritti e processioni

Sonia Leotta

Sarà il mare, il protagonista indiscusso di questo fine settimana a Terracina, cittadina del litorale laziale, in provincia di Latina, che ripropone anche quest’anno una festa ormai divenuta tradizione. La festività prende spunto da una tradizione religiosa, quella legata alla Madonna del Carmine, celebrata il 16 luglio, della quale viene localmente venerata un’effigie. Furono i pescatori, che nella Confraternita del Carmine rappresentano la maggioranza, a proporre nel 1948 la realizzazione di una processione sul mare in onore della Vergine. E infatti, durante l’intera giornata odierna, tutto il mondo della pesca si raccoglierà per celebrare la Madonna con una Santa Messa officiata nel porto, con una caratteristica processione in mare, con fuochi d’artificio e fiaccolata, dal molo alla chiesa del Santissimo Salvatore. È un momento assai particolare: numerose paranze verranno illuminate e addobbate di reti, rami fioriti, conchiglie e frutti di stagione. L’immagine mariana verrà caricata su una delle barche e quindi accompagnata dal corteo marino. In programma poi la rassegna gastronomica del pesce azzurro e dei prodotti locali, sempre in prossimità del molo. Inoltre musica, spettacoli, giochi popolari e la divertente «cuccagna a mare», con il classico palo infisso direttamente nell’acqua. Nella giornata di domani, la Sagra del pesce: l’occasione è ghiotta per far festa e gustare un’ottima frittura di pesce. Il mare della zona è infatti pescosissimo ed offre triglie, merluzzetti, spigole, sogliole, gamberoni e mazzancolle. Tra i prodotti locali più rinomati da ricordare anche la mozzarella di bufala della zona di Formia e Gaeta, la provola affumicata, il caciocavallo e il provolone. Come da tradizione, non mancheranno, infine, l’estrazione della lotteria e i fuochi d’artificio che brilleranno sullo splendido mare.