Fingersi avvocato mediatore per il giudice non è truffa

Affermare di essere un avvocato esperto in questioni immobiliari per svolgere compravendite di appartamenti non costituisce una truffa. Questo il convicimento del gip Orlando Villoni che ha archiviato il procedimento nei confronti di una donna di 56 anni, denunciata per truffa pluriaggravata, appropriazione indebita ed esercizio abusivo della professione forense. La donna era accusata di essersi falsamente qualificata, come legale esperta del settore immobiliare, facendosi pagare tra i 5 e i 10mila euro per gestire transazioni di compravendita di appartamenti. Nell’archiviare l’inchiesta il giudice ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato che ha assistito la donna. «L’inidoneità dell’indagata a svolgere la professione forense infatti - ha sottolineato il gip - non implica necessariamente la truffa, restando in ogni caso ferma la possibilità di un’azione civile per i danni sofferti dalla imperizia della sedicente o meno professionista».