Fini bacchetta Caliendo: «Torni al posto»

Curioso fuoriprogramma ieri nell’aula della Camera, durante l’esame del decreto sicurezza. Ancora una volta Gianfranco Fini (nella foto) è stato inflessibile nel «bacchettare» un collega di maggioranza. Giacomo Caliendo, sottosegretario alla Giustizia, s’era appena alzato. «Sottosegretario - ha rimproverato il presidente super partes - torni ai banchi del governo. Non c’è nessuno adesso: altrimenti sospendiamo la seduta... Cosa preferisce?». Caliendo era in quel momento l’unico esponente dell’esecutivo presente in aula; fino ad allora era stato il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, a seguire di persona l’iter del provvedimento.