Fini-Casini, Berlusconi risponde "Progetto a voi, elettori a noi" Loro: avverta quand'è al 101%

Nota congiunta dei leader di An e Udc contro il Cavaliere: "No a improvvisazioni propagandistiche o sortite populistiche, serve un progetto serio". Poi arrivano la risposta spiazzante e la controreplica

Roma - Attacco congiunto dell'asse Fini-Casini contro Silvio Berlusconi e il nuovo partito delle libertà. "La gravità della situazione italiana impone di elaborare progetti che nulla hanno a che fare con la improvvisazione propagandistica né con estemporanee sortite populistiche". Così si esprimono i leader di An e Udc in una nota congiunta. "Il rispetto per il popolo del centro e della destra, rappresentati in parlamento dall’Udc e da An, - si legge nella nota di Casini e Fini - ci obbliga al dovere della verità e della serietà: abbiamo idee diverse sulla riforma della legge elettorale, ma comune consapevolezza che solo partendo dai problemi degli italiani (sicurezza, giustizia sociale, modernizzazione del paese, fisco, energia) sarà possibile creare un’alternativa credibile al fallimentare governo della sinistra". I leader di An e dell’Udc hanno avuto questa mattina un "lungo e cordiale colloquio". All’incontro hanno partecipato anche il segretario dell’Udc Lorenzo Cesa e il presidente dei senatori di An Altero Matteoli. Proprio da quella riunione è uscito il documento congiunto che attacca il Cavaliere. Secondo Casini "rinviare i problemi e far finta che questa situazione non si sia determinata per una catena di errori è fuga dalla realtà. Ed è singolare che dopo gli errori ci si proponga di risolvere con la bacchetta magica gli errori del centrodestra". Casini quindi intende "riafferma che il dialogo è aperto con tutti, da Berlusconi a Bossi ma che i moderati italiani hanno bisogno di serietà di un lavoro concreto sui problemi reali".

La risposta del Cavaliere "Se continuano così a noi va benissimo: noi ci teniamo gli elettori loro si tengono il progetto...". Così, sorridendo, il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, uscendo da Palazzo Grazioli, ha commentato la nota diffusa da Fini e Casini nel pomeriggio. Con altrettanta ironia risponde ancora il tandem Udc-An: "Ci avverta quando arriva al 101%".