Fini: ormai vietato parlare di politica

Per Silvio Berlusconi è vietato parlare di politica. È il senso del commento sarcastico lasciato dal presidente della Camera, Gianfranco Fini, a Pasquale Laurito, autore della «Velina Rossa». «Caro don Pasquale, qui non si parla più di politica. Verboten», è stata la risposta della terza carica dello Stato a Laurito che in Transatlantico gli domandava un’opinione sulle parole pronunciate dal premier, in particolar modo sull’incontro di Asolo tra Fini e D’Alema dal quale è emersa la proposta di una commissione Bicamerale sul federalismo. In alcune interviste pubblicate ieri, Berlusconi a proposito del seminario di Asolo e della proposta di una commissione bicamerale per esprimere i pareri sul ddl delega sul federalismo fiscale, formulata da Fini e Massimo D’Alema, aveva detto: «Non c’entro nulla, è una cosa loro. Io mi occupo delle relazioni internazionali e delle crisi economiche. Di cose importanti». La Velina rossa racconta anche che qualche deputato del Pd, mentre Fini si allontanava dalla buvette di Montecitorio, ha rilevato che ormai Berlusconi è partito con grande rapidità verso Obama, suscitando il sorriso del presidente della Camera.