FINmanager, ecco come le aziende possono controllare le condizioni applicate dalle banche

Controllo e pianificazione diventano le parole chiave per far fronte alla crisi. Ma è l'accesso al credito il problema delle imprese e la divergenza di prospettive tra banche e aziende. Queste ultime cercano un interlocutore unico al quale richiedono tempestività e flessibilità, capacità di affiancamento anche nei momenti di maggiore difficoltà finanziaria. Le aziende rimaste ancorate a un modalità di accesso al credito di tipo tradizionale, basata sulle garanzie, iniziano solo ora a capire l'importanza di strumenti come il rendiconto finanziario, il budget di cassa, il business plan.
Percezione completamente ribaltata nel punto di vista delle banche che, anche in corrispondenza dell'entrata in vigore della direttiva di Basilea 3, iniziano a parlare di qualità del credito e a richiedere alle aziende una più chiara comunicazione delle strategie aziendali e dei progetti di sviluppo.
FINmanager è la soluzione Ipsoa per la gestione della tesoreria aziendale che permette di automatizzare operazioni ripetitive, monitorare ogni giorno i rapporti con ogni istituto di credito e la corretta applicazione delle condizioni pattuite, analizzare e ottimizzare i flussi finanziari su base previsionale, migliorare la redditività.
«Con l'automazione delle operazioni di routine - spiega Fabio Giuccioli, responsabile della comunicazione software di Wolters Kluwer Italia - come la riconciliazione degli estratti conto e il controllo delle condizioni stabilite con le banche, il tesoriere può concentrarsi sulla pianificazione dei movimenti finanziari, sulla gestione delle relazioni con il sistema creditizio e intervenire tempestivamente per evitare criticità di tesoreria».
L'esigenza di tenere sempre sotto controllo i costi di gestione e ottimizzare il debito totale aziendale trova in FINmanager lo strumento efficace che permette di confrontare le condizioni applicate dai diversi istituti di credito, effettuare statistiche relative al lavoro bancario, simulare girofondi per gestire al meglio l'esposizione aziendale.
«FINmanager - sottolinea Giuccioli - è, inoltre, uno strumento di pianificazione finanziaria preventiva che permette all'azienda di evitare squilibri o criticità, specialmente nelle relazioni con gli istituti di credito».
Infine, la funzione di Cash Pooling permette alle holding e ai gruppi aziendali la gestione e l'analisi automatica di tutti i rapporti intercompany con il monitoraggio costante delle singole posizioni all'interno del gruppo.