Finmeccanica, decollano gli utili e il dividendo

Profitti a 1,02 miliardi, in crescita del 158%. Aumentano anche i ricavi (+14%)

da Milano

Decolla l'utile di Finmeccanica, che, con l’approvazione dei dati definitivi del bilancio 2006 ha annunciato profitti record per 1,02 miliardi, con un incremento del 158%. Il boom degli utili ha consentito al consiglio di amministrazione guidato da Pier Francesco Guarguaglini di proporre la distribuzione di un dividendo di 35 centesimi per azione, in aumento del 13% rispetto allo scorso anno.
La società di Piazza Montegrappa ha poi confermato un aumento dei ricavi del 14%, a quota 12,4 miliardi e un risultato operativo (ebit) aumentato del 19,5% a 878 milioni. Migliora, sia pure in misura meno marcata, anche la redditività operativa percentuale (Ros), salita al 7%. Gli ottimi risultati risentono di alcune operazioni straordinarie (collocamento in borsa del 60% di Ansaldo Sts, la riduzione della partecipazione in Avio), ma la componente di miglioramento organico è significativa. Positiva anche la riduzione dell'indebitamento finanziario netto sceso a 858 milioni (-22%).
Il portafoglio ordini (35,8 miliardi ) garantisce tre anni di attività. Stabili gli investimenti in ricerca e sviluppo: 1,78 miliardi, il 14% dei ricavi. Contestualmente alla approvazione del bilancio il cda ha anche deliberato la nomina di Filippo Andreatta alla carica di consigliere di amministrazione, in sostituzione di Ernesto Monti dimessosi a fine febbraio.\