Finmeccanica, pressing per commesse in India

da Nuova Delhi

L’industria aerospaziale e della difesa italiana si aspetta di ottenere nuovi contratti in India già nei prossimi mesi. Proprio per questo Finmeccanica sta potenziando la struttura commerciale e negozia nuovi accordi con le industrie locali. La società italiana stima in 11,7 miliardi di dollari il mercato indiano «aggredibile» con i propri prodotti. In particolare AgustaWestland è ben piazzata per la fornitura di 12 elicotteri Vip AW-101 all'Aeronautica, e partecipa a una gara per 200 elicotteri leggeri. Alenia Aeronautica propone l'Atr-72 per soddisfare una prima esigenza per 6 aerei da pattugliamento marittimo a medio raggio e sta cercando di piazzare l'aereo da trasporto tattico C-27. Selex sistemi integrati è in lizza per fornire una ventina di radar Empar per la difesa aerea, oltre a ulteriori radar di sorveglianza civili e navali e Selex Galileo prevede di vendere altri radar da avvicinamento, in aggiunta a quelli già in ordine. La società romana Elettronica invece è in corsa per fornire sistemi di guerra. In campo navale Wass è finalista in una gara per la fornitura di un centinaio di siluri pesanti mentre Oto Melara ha possibilità di successo con i suoi cannoni navali. Fincantieri ha già ottenuto importanti successi in India (una nave oceanografica, il sistema di propulsione della nuova portaerei) e a giorni firmerà un accordo per la realizzazione di una nave rifornitrice da 27mila tonnellate.