Finmeccanica Selex sostituirà sistema radar militare italiano

Sarà Selex sistemi integrati, società di Finmeccanica, a beneficiare del programma di sostituzione dei radar militari italiani. Un’iniziativa avviata, secondo quando si apprende da ambienti della Difesa, con un primo contratto del valore di circa 260 milioni, che riguarda l’acquisizione di 12 radar da difesa aerea Rat-31dl. A questo contratto se ne dovrebbe aggiungere entro l’anno un secondo, relativo ad altri due radar, mobili, sempre per l'Aeronautica. Devono invece ancora essere definiti i contratti relativi all’acquisizione di una decina di radar Ran-21s, destinati a essere installati sulle principali unità navali della Marina e di una mezza dozzina di radar Kronos per l’Esercito. Complessivamente i contratti potranno superare i 400 milioni. Tutto questo si rende necessario perché la Difesa deve abbandonare una serie di frequenze attualmente utilizzate dai suoi radar e che sono state destinate al sistema civile a banda larga Wi-Max.