Finmeccanica, supporto agli Eurofighter contratto da 600 milioni di euro

Netma (Nato Eurofighter
and Tornado Management Agency) e il consorzio Eurofighter hanno firmato il contratto che prevede la fornitura di
servizi di supporto integrato per la flotta di velivoli "Typhoon" dell’Aeronautica militare, per 5 anni

Roma - Contratto da 600 milioni al gruppo Finmeccanica per il supporto della flotta di Eurofighter "Typhoon" dell’Aeronautica Militare. Ad annunciarlo è la holding dell’aerospazio e difesa. Netma (Nato Eurofighter and Tornado Management Agency) e il consorzio Eurofighter hanno firmato il contratto che prevede la fornitura di servizi di supporto integrato per la flotta di velivoli Eurofighter dell’Aeronautica Militare, della durata di 5 anni. Le attività previste nel contratto saranno svolte da Alenia Aeronautica, in qualità di prime contractor, insieme a Selex Galileo e Selex Communications e da Elettronica (azienda partecipata da Finmeccanica). Alenia Aeronautica, come unica interfaccia dell’Aeronautica Militare per tutte le attività di supporto agli Eurofighter, si occuperà di gestire le forniture e le riparazioni di tutti gli equipaggiamenti del velivolo, inclusi quelli avionici; di determinare i fabbisogni e la fornitura del materiale di consumo necessario a garantire la manutenzione e l’efficienza della flotta e di mantenere e gestire le attrezzature impiegate per le attività di manutenzione. Selex Galileo garantirà la disponibilità operativa di gran parte della suite avionica del velivolo, sia per i propri equipaggiamenti che per quelli progettati da terzi. Le attività previste includono la manutenzione ordinaria e straordinaria, il supporto tecnico, l’identificazione dei pattern defect, la gestione delle obsolescenze, la gestione degli asset del cliente e la fornitura di parti di ricambio e di soluzioni di test.

Selex Communications contribuirà alla manutenzione dei propri apparati di comunicazione, navigazione e identificazione installati sui Typhoon. Si occuperà, inoltre, della realizzazione di un centro di manutenzione presso la base aerea, della fornitura e manutenzione di equipaggiamenti per il collaudo degli apparati, del distaccamento di tecnici specialisti, della riparazione di moduli guasti e di attività accessorie (management, analisi dei guasti, reportistica). Elettronica, in qualità di lead contractor EuroDASS, sarà responsabile del supporto del sistema di autoprotezione Praetorian installato sui Typhoon. Insieme ai partner Selex Galileo (UK) e Indra (SP), Elettronica garantirà la disponibilità operativa del Praetorian attraverso un servizio di assistenza continua presso le basi operative con personale altamente qualificato. Assicurerà, inoltre, la gestione della supply chain. Finmeccanica partecipa al programma Eurofighter con una quota industriale all’incirca del 36% (esclusa la parte motoristica), svolgendo un importante ruolo nella definizione, progettazione, sviluppo e produzione del velivolo per la parte aerostrutturale, di integrazione dei sistemi e per l’avionica. La quota di Finmeccanica nell’elettronica di bordo del Typhoon è superiore al 60%.